Itinerario in 7 giorni alla scoperta della Francia del sud

Un itinerario in Francia, per sette giorni, a sud. Da Nizza ad Avignone, da Toulose ad Arles. Il sud del territorio francese, con la fioritura della lavanda in Provenza e il mare della sua costa meridionale, hanno tanto da offrire al viaggiatore.

Particolare del porto di Nizza, in FranciaParticolare del porto di Nizza, in Francia

Se anche tu ami la Francia  e vorresti goderti le sue meraviglie in pochi giorni, ti proponiamo un itinerario che esplora la Francia del sud in sette giorni. Una vera e propria scoperta del territorio francese. 

Pronti per immergervi tra i colori e i profumi di queste zone? Ecco a voi il programma per godere delle più belle località:

Giorno 1°: durante il primo giorno vi consigliamo di visitare città quali Nizza, St. Paul de Vence, Antibes e Grasse.

La prima cittadina, Nizza, è un luogo molto noto per le vacanze estive sin dai secoli passati, periodi in cui la nobiltà di tutto il globo, sceglieva questa zona per trascorrere i propri periodi di villeggiatura. La cittadina conserva tuttora un aspetto regale e principesco, inoltre offre una varietà ampia di attrattive per grandi e piccini. Si potrà scegliere tra una visita in uno dei musei famosi ospitati dalla città, o ancora tra il passeggio sulla Promenade des Anglais, ricchissima di distese di sabbia cristallina. Nizza pullula di locali in cui è possibile consumare pasti regali e assaggiare piatti tipici del loco. Procedendo verso l’entroterra si raggiunge la cittadina di St. Paul de Vence: questo è un borgo ricco di storia medievale, noto posto in cui hanno trovato ispirazione per il loro capolavori sia Signac sia Modigliani. Scendendo verso la costa ci troviamo ad Antibes: cittadina portuale che ospita sempre file e file di barche a ormeggio e un ricchissimo museo, il Musée Picasso. In seguito è possibile raggiungere la collina in cui si trova Grasse, capitale del mondo per i profumi dal lontano 1600.

Giorno 2°: durante la seconda giornata di permanenza è possibile visitare Grasse e Saint Tropez

Dopo una sosta veloce ai musei del profumo di Fragonard e Molinard, salutiamo la cittadina di Grasse con i suoi infiniti campi di mimose e lavanda e, dopo circa 80 km, raggiungiamo Saint Tropez, passando per Cannes. Saint Tropez, nonostante la sua fama, è rimasta una cittadina di pescatori, un villaggio un tempo ricchissimo di pescherecci, oggi diminuiti a causa dell’avvento di lussuosissimi yatch.

Giorno 3°: visita alla città di Avignone

A circa 200 km di autostrada da Saint Tropez, sorge la cittadina caratteristica di Avignone. Arrivati in quest’ultima, è consigliabile parcheggiare la macchina nello spazio riservato al centro della città e salire a piedi verso Place du Palais. Nella piazza, dalla quale prende il nome la stessa, sorge il Palazzo dei Papi, ossia l’edificio in cui fu trasferito il papato dal 1309 al 1377. La visita al palazzo dei papi richiede almeno un paio d’ore. Il centro di Avignone si presenta ricco di mura possenti del ‘300 e ospita cattedrali e edifici storici che vale davvero la pena di visitare.

Panorama di Arles, a sud della FranciaPanorama di Arles, a sud della Francia

Giorno 4°: visita alle città di Arles e Camargue

A citta 36 km da Avignone, sorge la cittadina di Arles. Essa è patrimonio mondiale dell’umanità, infatti, ospita un anfiteatro romano meraviglioso, quasi intatto nel tempo. In seguito, dopo pochi chilometri, si raggiunge la cittadina di Camargue. Essa si presenta in maniera suggestiva con paludi, distese di sabbia, saline, presenza di animali quali fenicotteri, cavalli bianchi e tori, tutti animali che convivono secondo un perfetto equilibrio ecologico. La superficie che ospita tutto ciò è davvero immensa: essa equivale a 820 chilometri quadrati.

Giorno 5°: visita alle cittadine di Sète, Béziers e Carcassonne

A circa un paio d’ore da Camargue sorge Sète, cittadina portuale meno nota ai turisti ma ideale per fare una sosta all’interno di uno dei ristorantini del posto. Dopo aver consumato un buon pasto, è possibile dirigersi verso Béziers e ammirare la Cattedrale. Essa fu il luogo in cui i catari massacrarono migliaia d’innocenti nel 13° secolo. A circa 90 km sorge Carcassonne, città perimetrata dalle mura gallo-romane e da bastioni ottimamente restaurati. L’ideale sarebbe visitare il borgo medievale e cenare in uno dei ristoranti che da direttamente sulla Basilica di St. Nazairen.

Giorno 6°: Visita alla città di Toulouse

Definita da alcuni come la cittadina più importante della Francia meridionale, Toulouse ospita una delle più grandi industrie aerospaziali. A circa 90 km da Carcassonne, Toulouse ospita la meravigliosa Place du Capitol, nota soprattutto per la grande varietà di ristoranti pronti a sedurvi con le loro specialità culinarie tipicamente regionali.

Giorno 7°: visita ad Albi e Rocamadour

Procediamo verso nord e raggiungiamo Albi. La cittadina è da visitare durante le primissime ore del giorno, altrimenti è meglio “rifugiarsi” nei musei della città per sfuggire alle ore più calde della giornata. Attraversando il ponte di Cahors e il polmone verse del Perigord, si raggiunge Rocamadour. La cittadina regala sensazioni uniche nel loro genere: essa, oltre a venerare una Madonna nera del 13° secolo, si sviluppa completamente su una rocca, obbligando il turista a passeggiare con il naso all’insù. Solo in tal modo, infatti, sarà possibile ammirare abitazioni, basiliche, cappelle che paiono essere un tutt’uno con la roccia intorno.

Non vi resta dunque che scegliere dove alloggiare e partire per un entusiasmante viaggio alla scoperta delle bellezze della Francia del sud.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Arles Avignone Francia Nizza Saint Tropez Toulouse iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*