Isole Cook, il nuovo paradiso polinesiano

La vera protagonista  alle Isole Cook è la natura, generosissima in ogni suo aspetto.  L’isola capoluogo si chiama Rarotonga ed è bordata da una cintura di spiaggia candida, con sabbia finissima simil-borotalco.

Le acque turchesi sono un invito irresistibile a un tuffo e una nuotata in assoluta tranquillità. Il suo cuore è invece vulcanico, ricoperto di foresta lussureggiante, in cui si fanno largo praterie, zone coltivata, villaggi e mercati colorati. A Rarotonga, ci sono l’aeroporto e i servizi di base.

Aitutaki , stretta, lunga e sempre verdissima, vanta quella che è considerata una delle più belle lagune della terra, balzata alle cronache già dagli anni ’50 del secolo scorso, quando i divi di Hollywood, John Wayne e Cary Grant in testa, vi ammaravano nei lussuosi “flying boats”, concedendosi magnifiche nuotate. Va da sé che, ad ambienti così belli, intatti e primordiali, si associ l’idea di armonia e felicità, e che queste isole siano diventate  l’ideale stesso del paradiso. Un  paradiso a cui l’uomo ha  teso una mano amica, favorendo uno sviluppo turistico ponderato, attento a non intaccarne gli equilibri. Risultato sono gli alberghi e i resort a basso impatto, costruiti con materiali naturali, dal design semplice e raffinato. Oltre che meta ideale per viaggi di nozze, le Cook offrono la possibilità di celebrarvi matrimoni (e anniversari) da sogno, legalmente riconosciuti anche in Italia, con cerimonie suggestive, sullo sfondo di spiagge e foreste.

Avarua: vedi anche

Un altro aspetto importante è la gastronomia, perché la cucina isolana vanta significativi punti di forza: pesce abbondante e freschissimo; le tenerissime carni neozelandesi; verdure, frutta, erbe e aromi prodotti in loco dalle farms. Una cucina praticamente a chilometro zero! Il risultato sono pietanze varie, profumate e nutrienti, assaporabili tanto nei ristoranti degli alberghi, quanto in quelli lungo le spiagge o nelle semplici “eateriers” dei centri abitati. Essendo un paradiso naturale, le Cook vanno a braccetto con tanti sport, primi fra tutti quelli acquatici, lo snorkelling, le immersioni e le isole di Atiu e Mangaia offrono esperienze indimenticabili tra grotte sottomarine e fondali di corallo.

Il modo più spedito per raggiungere le Isole Cook dall’Italia è il volo aereo via Los Angeles e poi tratta diretta fino a Rarotonga con Air New Zealand. Il clima è caldo e piacevole, e le acque sono balneabili praticamente tutto l’anno. Dall’Italia sono diversi i tour operator che propongono le Isole Cook con pacchetti di diversa formula, costo e durata, le loro offerte si trovano presso la propria agenzia di fiducia.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione AVARUA iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*