I Misteri di Campobasso

A Campobasso, nel Settecento, l'artista e scultore Paolo Saverio Di Zinno ideò e costruì una serie di macchine da festa chiamate Misteri, traendo spunto dalla denominazione dei drammi sacri del tardo medioevo.

Da allora, i Misteri accompagnano puntualmente la ricorrenza del Corpus Domini nel capoluogo molisano, con circa duecento uomini, che portano a spalle 13 strutture in legno su cui figuranti in carne e ossa vestono i panni di santi e interpretano, senza muoversi, temi legati alla storia della chiesa e del cristianesimo: per esempio, Sant’Antonio Abate; l’Immacolata Concezione; Abramo; il Santissimo Cuore di Gesù. Veri e propri quadri viventi che, seppur muti e statici, sanno trasmettere ai fedeli in processione una forte carica religiosa ed emotiva, complici i costumi e le coreografie preparati con estrema cura e perizia. I portatori percorrono circa dieci chilometri, attraversando la città con passo veloce e cadenzato, guidati dai cosiddetti capurali, uno per ogni Mistero, che dirigono con un pezzo di canna palustre i movimenti, le soste e le alzate delle macchine. Questa cerimonia è una delle più sentite e attese a Campobasso e nel Molise intero; radicata nell’animo della popolazione, che la considera uno dei momenti più alti e significativi della propria cultura. Un momento di aggregazione che va oltre il semplice folclore, rispecchiando la forte spiritualità cristiana, che contraddistingue da sempre le genti molisane.

Pubblicato in ,
Informazioni su Anna Bruno 85 Articoli
Giornalista professionista, già cronista de “La Gazzetta del Mezzogiorno”, è specializzata in viaggi, food, musica e tecnologie. Cofondatrice dell’agenzia di comunicazione e Digital PR FullPress Agency, è direttrice responsabile di FullTravel.it, magazine di viaggi e di “VerdeGusto”, oltre ad altri due magazine. E’ autrice di “Digital Travel” e “Digital Food” , rispettivamente quarto e quinto libro, per Flaccovio Editore. Digital Travel & Food Specialist, è consulente e docente in corsi di formazione ed è delegata del SUD e Isole dell’Italian Travel Press(ITP).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*