Guida di Lugano

Lugano è la città più importante e mediterranea del Canton Ticino se ne sta adagiata in una splendida baia, che si incunea tra il Monte San Salvatore e il Monte Bré.

Il suo clima più che mite regala generose fioriture e parchi in cui convivono piante mediterranee e specie subtropicali. Una nutrita rete di servizi moderni ed efficienti testimonia una spinta imprenditoriale costantemente proiettata al futuro e un notevole dinamismo culturale (che, tra le tante espressioni, annovera prestigiose collezioni d’arte pubbliche e private, e le geniali architetture di Mario Botta).

A Lugano, gli italiani, e soprattutto i lombardi, vengono volentieri per la gita domenicale, per lustrarsi gli occhi davanti a vetrine scintillanti, assaporare l’atmosfera dei quartieri vecchi e nuovi, fare romantiche gite in battello o salire in funicolare al Monte San Salvatore o al Monte Bré, da dove il panorama è fantastico. Quattro passi nella città vecchia consentono di ammirare la duecentesca Cattedrale di San Lorenzo, che subì diversi rimaneggiamenti tra il XIII e il XV secolo (la facciata, per es., è in stile rinascimentale lombardo) e Piazza della Riforma, che ne sono i punti nevralgici. La contigua Piazza Rezzonico si apre generosamente sul lago, proprio di fronte all’imbarcadero ed è dominata dalla mole ottocentesca del Palazzo del Municipio. La passeggiata può continuare nella celebre via Nassa, parallela al lungolago, il cui lato sinistro è orlato da portici; qui, gli amanti di orologi, gioielli e di tutto quanto è shopping di lusso hanno di che lustrarsi gli occhi e alleggerire il portafogli. La via conduce quindi a Piazza Luini, dove spunta la cinquecentesca Chiesa di Santa Maria degli Angioli, guarnita da uno svettante campanile romanico, che all’interno custodisce alcuni tra i più famosi dipinti di Bernardino Luini, allievo di Leonardo. Gli amanti dell’arte possono fare una capatina al settecentesco Palazzo Riva, per ammirare i capolavori del Museo Cantonale d’Arte, che riunisce opere di artisti non solo ticinesi, ma anche elvetici e stranieri (Renoir, Carrà, Pissarro, Klee, Kandinskij, Degas, Sironi). O a Villa Favorita, nella frazione di Castagnola, dove si trova la collezione Thyssen-Bornemisza. Lugano, infine, è anche la città di Mario Botta, il cui genio architettonico lascia diverse tracce, tra cui la più conosciuta: l’edificio della Banca del Gottardo, al cui interno si annida anche una galleria d’arte.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione LUGANO iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*