Guida di Balestrino, borgo antico in Liguria

Una guida di Balestrino per partire alla scoperta di questo misterioso borgo abbandonato situato in provincia di Savona.

Balestrino, ruderi chiesa Sant'Andrea -Foto Davide Papalini
Balestrino, ruderi chiesa Sant'Andrea -Foto Davide Papalini

Sommario

Nel viaggio alla scoperta di città fantasma, il paese di Balestrino attira l’attenzione per atmosfera sospesa nel tempo e decadente, ad un passo dalla raggiante riviera di ponente ligure.

Dove si trova Balestrino

Balestrino è una cittadina in provincia di Savona che conta pochi abitanti, poco più di 500. Il paese è annoverato tra quelle che vengono definite città fantasma poichè, a seguito di minaccia idrogeologica, nel 1963 il borgo antico di Balestrino è stato abbandonato dalla popolazione in fuga, preoccupata dal cedere del terreno. Oggi un’antica meridiana diventa simbolo di un tempo che, inesorabile, scorre ma non viene segnato più da nessuno, se non da qualche escursionista in visita qui o da solerti troupe televisive americane, attratte da questi luoghi densi di storie da raccontare.

Il Castello di Balestrino

A sormontare l’antico borgo svetta il Castello di Balestrino o per meglio dire il Castello dei Del Carretto – antichi faudatari della zona – caparbiamente abarbicato sul frontone roccioso a dispetto del presunto rischio frana. Tutto è fermo a più di 50 anni fa, all’esterno e all’interno di mura rovinate, con vegetazione che cresce tra i ciottoli e vicoli dall’aria vissuta ma ormai malinconicamente statica e decadente.

Cosa vedere a Balestrino

Visitare Balestrino equivale a fare un viaggio nel tempo e nel mistero: la nota e suggestiva località della Liguria – situata in provincia di Savona – rientra infatti nell’elenco delle città abbandonate o città fantasma.

In realtà, considerando Balestrino in quanto Comune, si segnala che vi ci abitano circa 600 persone ma a calamitare l’attenzione è il resto del borgo antico di Balestrino:  questo è infatti del tutto privo di vita, svuotato, costituito solo da datati edifici abbandonati e presi d’assalto dalla vegetazione spontanea, poichè lasciati dalla popolazione anni e anni addietro.
L’attenzione di chi arriva da queste parti viene catturata inevitabilmente dal Castello di Balestrino o Castello della famiglia Del Carretto, gli antichi tenutari di Balestrino e dintorni.

Si tratta indubbiamente di una delle attrazioni di Balestrino, la cui visita però non sarà organizzata: il Castello è infatti stato lasciato da tutti una cinquantina di anni fa per via del cedere del terreno per via delle frane. Si trova quindi in uno stato di abbandono, sebbene ci sia da sottolineare che la torre e gli ingressi sono ancora oggi ben conservati.

Altro luogo importante a Balestrino è l’antica chiesa di Sant’Andrea ma si tratta di una costruzione che al momento non è accessibile e anzi versa in condizioni che meriterebbero un restauro.

In effetti è previsto un piano di recupero dell’antico borgo, proprio per evitare che questi luoghi vadano persi.
In una guida di Balestrino non potrà inoltre mancare infine l’indicazione relativa alla chiesa di San Giorgio: qui vi sono infatti dei pregevoli affreschi risalenti al XV secolo, certamente da ammirare.
In definitiva visitare Balestrino nella sua parte più antica non è possibile del tutto, dunque quel che è consigliabile fare è osservarne il complesso dall’esterno, direttamente dall’area della “nuova Balestrino” che è stata costruita più a valle.

Balestrino, ruderi

Borgo di Balestrino, le leggende

A rendere particolare e magnetico il borgo antico di Balestrino è anche quella fitta trama di leggende e misteri di cui si popolano queste case abbandonate. Dall’intreccio tra la curiosità di accogliere la suggestione e il sentimento popolare e la necessità di una documentazione reale di cos’è oggi Balestrino, nasce un documentario dal titolo “Ghost Town – Balestrino: il fascino antico di un borgo fantasma“, prodotto da PGMVideo Srl. Diretto da Chiara Salvadori, questo documentario è il primo capitolo di una serie, tutta dedicata alle città fantasma.

Un ritratto, impreziosito dalle musiche di Rodolfo Cardellicchio, che pur raccontando la decadenza di questo angolo di mondo così fascinoso in Liguria, rende il borgo abbandonato di Balestrino allo stesso tempo vivo e presente, grazie al supporto di foto montate in rapida sequenza e di video originali realizzati in presa diretta tra le strade di Balestrino. Una full immersion tra i vicoli di questo borgo e tra le storie che chi vi abitava può ancora narrare, così da poter trarre spunto per una futura escursione a Balestrino.


Come arrivare a Balestrino, Savona

Informazioni utili


 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione BALESTRINO iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*