Dove dormire in Umbria

Perugia, una delle mete inossidabili del turismo regionale, offre una serie di strutture ricettive sia di tipo tradizionale (alberghi, pensioni, hotel con centri congressi...), che di ultima generazione, come b&b e affittacamere in case private.

Essendo anche città universitaria e studentesca, l’offerta immobiliare viene ampiamente condivisa con questo settore di utenza, ma qualunque sia il tipo di  struttura prescelta dai turisti, soggiornare in questa città antichissima, ricca di monumenti, opere d’arte e con ritmi da dolce vita, diventa un’esperienza molto piacevole. Il discorso non si discosta di molto anche per il resto della regione, la Verde Umbria, com’è etichettata sul mercato turistico, meta  non solo di pellegrinaggi e viaggi religiosi, ma anche qualificato circuito per il turismo culturale, ambientale ed enogastronomico, complici ambienti che si sono preservati intatti nel tempo, e produzioni d’eccellenza come quelle dell’olio e del vino, di sapori e saperi unici, che hanno tenuto a battesimo, anche nei centri minori, il fiorire di tante strutture turistiche, che sono uno dei fiori all’occhiello del territorio. Agriturismi; antichi casali convertiti in affascinanti county house con maneggio, centro benessere e congressi, campi da golf…; magici alberghini de charme annidati in castelli e dimore d’epoca; borghi lillipuziani riconvertiti in albergo diffuso; stanze accoglienti e pulite nelle case private, e molto altro, a un tiro di schioppo da città d’arte meravigliose, come Orvieto, Spoleto, Assisi, Spello, Gubbio, Montefalco…Il tutto sigla un’offerta varia e qualificata, in grado di venire incontro ai gusti e alle esigenze di ampie fasce di pubblico.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione UMBRIA iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*