Dove dormire in Piemonte

Torino, la città capoluogo del Piemonte, esprime un'offerta alberghiera qualificata e capillare, anche nei dintorni, nella verde zona precollinare, complice la forte riqualificazione e realizzazione di nuove strutture verificatasi pochi anni fa, in occasione dei Giochi Olimpici Invernali, che l'hanno vista sede degli stessi.

Fenomeno interessante, che in pochi anni è letteralmente esploso, è inoltre quello dei bed&breakfast nelle case private e degli affittacamere. Secondo studi e indagini di mercato, il riscontro in questo segmento sarebbe più che buono, grazie anche al fatto che, spesso, questi b&b e affittacamere si trovano a distanza comoda dalle zone monumentali più interessanti, dai musei più gettonati, dalla rete dei trasporti urbani e dai principali centri congressuali e di business aziendale. 
Un territorio così vario, con ambienti che arrivano ad essere anche uno l’opposto dell’altro (si va dalle alte vette alpine alle pianure più piatte), esprime un’offerta molto diversificata anche in fatto di ospitalità. Un’offerta capace di venire incontro a tutti i gusti e a tutte le tasche. Troviamo così alberghi, pensioni, case vacanza, baite e rifugi che declinano tutte le caratteristiche delle sistemazioni d’alta quota (vicinanza agli impianti sciistici, comodità con gli altri servizi turistici, contesto naturalistico di pregio…), accanto ad hotels e strutture calati in un contesto urbano, per finire con agriturismi, b&b, castelli e residenze convertiti all’accoglienza ubicati in fasce rurali e in centri minori.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione TORINO iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*