Cosa vedere a Mantova in un giorno

Seppure Mantova è una città che merita un visita di più giorni, in questa guida vediamo cosa vedere a Mantova in un giorno e quali i luoghi di interesse della città.

Panorama di MantovaPanorama di Mantova

Visitare Mantova cosa vedere: luoghi di interesse in un giorno

Vedere Mantova in un giorno non è impresa facile in quanto la città presente diversi luoghi di interesse. Vediamo, tuttavia, cosa vedere a mantova in un giorno e come muoversi tra le varie attrazioni della città.

Da Piazza Sordello al Palazzo Guerrieri

Il nucleo più antico di Mantova è sicuramente la zona che circonda Piazza Sordello. Sulla piazza si affaccia il Duomo, che presenta una facciata del settecento, realizzata da Nicolo’ Banchiera, in puro stile del manierismo barocco romano. Il campanile, invece, presenta una struttura romanica in sintonia con la chiesa di origine medioevale che ha subito la ricostruzione nel cinquecento. Sulla stessa piazza si affaccia il Palazzo Ducale, che si presenta con due edifici, la Magna Domus e il Palazzo del Capitano e, il Palazzo Castiglioni con il Palazzo Guerrieri. E’ qui che si incontra la Torre della Gabbia, ovvero la torre più alta di Mantova. Fu così chiamata da quando Guglielmo Gonzaga, nel 1576, fece realizzare un gabbione di ferro che veniva utilizzato come un vero e proprio carcere all’aperto dove vi finivano i malviventi.

Dal Castello di San Giorgio alla Chiesa di Sant’Andrea

Il Castello di San Giorgio, è un esempio dello splendore che regnava in questa città durante i Gonzaga. Fu fatto realizzare nel XIV secolo da Francesco Gonzaga a mo’ di fortezza in cotto a pianta quadrata. Con quattro torri angolari il castello è circondato da un fossato.

In Piazza Virginiana si arriva seguendo Via Cairoli. E’ a Virgilio che è stata dedicata questa piazza e in molti altri luoghi della città il poeta viene più volte ricordato. Una delle più belle piazze di Mantova è sicuramente Piazza delle Erbe, che prende tale nome per via del mercato di frutta e verdura che qui si tiene.

E’ qui che si trova la Chiesa di Sant’Andrea, che ottimamente rappresenta l’architettura rinascimentale. Nel 1472 fu Leon Battista Alberti a progettarla anche se fu completata solo fra il 1697 e il 1699. La chiesa ha solo una navata e tre cappelle che si trovano sui lati, dove è possibile apprezzare affreschi di scuola del Mantegna e del Correggio, e dove si trova la tomba del Mantegna.

Palazzo Te, Mantova - ©Foto Massimo VicinanzaPalazzo Te, Mantova - ©Foto Massimo Vicinanza

Da Piazza delle Erbe al Palazzo Te di Mantova cosa vedere: luoghi di interesse

In Piazza delle Erbe vi si affacciano anche il Palazzo del Podestà, quello della Ragione, la Torre dell’Orologio e la Rotonda di San Lorenzo, ovvero la chiesa più datata delle città.

Il Palazzo del Podestà rappresenta l’antica sede comunale sulla cui facciata si trova una nicchia con una statua di Virginio, risalente al XII secolo.

Mantova custodisce altri luoghi suggestivi e di forte interesse. Tra questi c’è il Palazzo Te che da solo vale il viaggio. Fu eretto tra il 1525 e i 1535 e rappresenta a pieno titolo l’architettura dell’epoca. La bellezza e la ricchezza delle sale, affrescate da Giulio Romano e i suoi allievi, rappresentano una vera attrazione.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Lombardia Mantova iscriviti alla nostra newsletter
Informazioni su Anna Bruno 398 Articoli
Anna Bruno, giornalista professionista. Muove i primi passi come cronista a La Gazzetta del Mezzogiorno. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), spettacoli e tecnologie. Scrive per i principali magazine del settore viaggi ed è esperta di digital travel. Nel 2001 fonda FullTravel.it, magazine di viaggi, del quale è tuttora direttore responsabile. E’ appassionata di fuori rotta e posti insoliti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*