Cosa comprare e dove divertirsi in Svizzera

Proverbiale è la fama della Svizzera in tema di acquisti di orologi di marca e raffinato design, cioccolata, formaggi, coltellini multiuso (inconfondibili i Victorinox , tascabili, col manico rosso e la croce elvetica stampigliata), i pizzi e le stoffe di San Gallo, le decorazioni per la casa e l'albero di Natale, i soprammobili e i gadget di legno intagliato, le cinture di cuoio e i campanacci dell'Appenzell.

I portici di Lauben a Berna, SvizzeraI portici di Lauben a Berna, Svizzera

Nei centri più grandi spiccano, naturalmente, strade e quartieri interamente consacrati allo shopping di qualità. A Berna ci sono gli storici Lauben, i portici della città vecchia, che schiudono negozi e atelier scintillanti, pieni  delle migliori marche. A Zurigo, le vetrine della Bahnhofstrasse propongono un’elettrizzante panoramica dei generi più in voga: si può pure approfittarne per fare una visitina al celebre negozio di orologi e preziosi Bucherer.
Impedibili, a Ginevra, le vetrine intorno a Rue BassesRue de la Confédération, Rue du Marché o Rue de Mont Blanc. A Lugano, spopolano invece i negozi e i laboratori di via Nassa, simbolo dell’orologeria e della gioielleria tradizionali, dell’abbigliamento e delle calzature di alta classe.
Nelle città e nei centri turistici le opportunità di divertimento, diurne e serali, pongono solo l’imbarazzo della scelta. Dal cinema (a orario continuato nei centri maggiori, uno spettacolo serale mai oltre le 21 in quelli minori) ai concerti all’aperto o nei teatri, dalle manifestazioni enogastronomiche alle rutilanti sagre paesane.

Il famoso coltellino svizzeroIl famoso coltellino svizzero

Appuntamenti irrinunciabili sono, per es., a luglio, il Jazz Festival a Montreux o la Zuri Fascht a Zurigo, la più grande festa di piazza svizzera, con musiche e spettacoli pirotecnici. Oppure il curioso raduno internazionale di Barbe Alpine a Coira, l’originalissimo FilmFestival di Locarno ad agosto. O, ancora, le faraoniche Festa della Vendemmia a Bellinzona e la rassegna Vinea a Sierre, nel Vallese, agli inizi di settembre. D’estate, il Paese non è per nulla pantofolaio e non è difficile, anche solo facendo quattro passi dopo cena, imbattersi in un mercatino etnico o dell’artigianato tipico, in qualche concertino di strada o in piccole mostre di artisti emergenti. Infine, anche gli amanti di slot-machine, fiches e tavoli verdi hanno di che sbizzarrirsi ai casinò di Lugano, Locarno, Thun, Arosa, St.Moritz, Montreux e Ginevra.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Arosa Berna Ginevra Locarno Lugano Svizzera Zurigo iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*