Cattedrale di San Panfilo, Sulmona

La cattedrale di San Panfilo, edificata sui resti di un tempio pagano, fu rinnovata dal vescovo Trasmondo nel 1075; dopo il terremoto del 1706, la ricostruzione in forme barocche sostituì l’antico edificio romanico, del quale
La cattedrale di San Panfilo, edificata sui resti di un tempio pagano, fu rinnovata dal vescovo Trasmondo nel 1075; dopo il terremoto del 1706, la ricostruzione in forme barocche sostituì l’antico edificio romanico, del quale sopravvissero le tre absidi e il portale sul fianco sinistro.
La facciata a coronamento orizzontale è suddivisa in due livelli da una fascia marcapiano e contiene il campanile con terminazione a vela; dell’antica struttura si conservano il portale medievale di Nicola Salvitti e la lunetta con deposizione del Cristo.
La pianta a corpo longitudinale presenta tre navate intervallate da pilastri circolari; dal presbiterio sopraelevato si accede alla cripta del santo e al museo della cattedrale. Degni di nota sono il coro e il pulpito in legno intagliati dal pescolano Ferdinando Mosca, i monumenti sepolcrali del XV secolo e gli affreschi della cripta.
Nelle sale del complesso della cattedrale di San Panfilo, si trova il Museo che espone una parte del tesoro della cattedrale, oltre ad un ricco archivio con oltre 12.000 documenti e 3000 pergamene del periodo compreso tra XI e XIX secolo.

Informazioni su Cattedrale di San Panfilo

Viale Roosvelt
67039 Sulmona (L’Aquila)
0864.210216 (Ufficio Turistico Comunale di Sulmona)
servizituristici@comune.sulmona.aq.it
http://www.comune.sulmona.gov.it/accoglienza.html
Su richiesta

 Fonte: MIBACT


Informazioni utili

Cosa vedere a Sulmona   Dove dormire a Sulmona
Cosa visitare Sulmona

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Abruzzo Sulmona iscriviti alla nostra newsletter