Birra ceca: viaggio lungo la via della birra

Viaggio nella Repubblica Ceca più spumeggiante, per assaporare in uno o più boccali di birra ceca che è tutta l’anima di un Paese dove la birra scorre da sempre a fiumi. E che ha regalato al mondo la bionda Pilsner.

Birra ceca: museo della Birra Ceca ©Foto Visita PragaBirra ceca: museo della Birra Ceca ©Foto Visita Praga

E’ un Paese spumeggiante la Repubblica Ceca, dove scorrono fiumi di birra. E non è un modo di dire: i cechi bevono birra da tempo immemore e, quanto a consumi, oggi detengono il primato mondiale con 160 litri pro capite.

Se la birra in Repubblica Ceca è considerata la bevanda nazionale, la fama delle bionde (e non solo) di produzione ceca è invece internazionale. Chi non ha mai sentito parlare o bevuto, apprezzandola, una Pilsner o una Budweiser?

Birra Ceca

Ma c’è molto di più. Nel senso che i tipi di birra prodotti nel Paese sono oltre 470 – chiara, scura, nera, al lievito, leggera, forte, aromatizzata, ecc.- ma anche nel senso che la birra ceca non è semplicemente una bevanda. Birra in Repubblica Ceca non significa solo refrigerio, convivio e gastronomia. Birra per i cechi è soprattutto tradizione, cultura e storia. Una storia davvero antica. I documenti conservati nei musei del Paese fanno risalire la coltivazione di luppolo all’anno 859 a.C. e la sua trasformazione in bevanda attorno al Mille. Non a caso la birra è detta anche “bevanda dei re”, perché – sebbene praticamente ognuno se la producesse già in casa a proprio uso e consumo – fu Re Venceslao, nel X secolo, a concedere i primi diritti alla produzione e al commercio di birra.

Fu così che dal domestico si passò all’artigianale e un po’ ovunque cominciarono a proliferare microbirrerie e piccoli birrifici, che ancora oggi caratterizzano il volto del Paese e sono diventati un pretesto anche turistico. A partire proprio dalla Pilsner, nata nel 1842 dalla sperimentazione del birrificio Pilsen – dove già dal 1200 si produceva una birra scura e torbida – che inventò appunto la prima birra di tipo lager, leggera e paglierina, poi “copiata” da tutti dentro e fuori la Repubblica Ceca. Tanto che oggi Pilsner in tutto il mondo è sinonimo di birra chiara.

Birra Repubblica Ceca

Repubblica Ceca è sinonimo di birra. Accanto ai colossi, la cui produzione è appunto rinomata e apprezzata anche all’estero, una miriade di produttori locali, spinti dalla concorrenza a inventare sempre nuove ricette. Ecco allora un menu incredibilmente ricco di birre speciali (6 gradi alcolici e oltre) e particolari (con aggiunta di erbe o concentrati di frutta). Ci sono persino birre al caffè, alla ciliegia e, nel periodo dell’Avvento, alla vaniglia.

Tradizionale o innovativa, chiara o scura, forte o leggera, la birra ceca è considerata soprattutto buona. Questo grazie a una tradizione antica, all’abilità dei mastri birrai e alla qualità della materia prima, luppolo e orzo di produzione locale.

Quale che si scelga di ordinare, attorno a un boccale di birra in Repubblica Ceca ruotano sempre gesti antichi ed esperimenti moderni, piatti golosi, feste popolari, souvenir a tema (boccali caratteristici, sottobicchieri personalizzati ecc.) ma soprattutto il vivace mondo delle osterie tipiche (hospoda), delle birrerie e delle microbirrerie. A unirle tutte un filo nemmeno troppo sottile, intessuto con trame di storia, cultura, gusto e folklore, che conduce lungo la Via della Birra.

 

Birre ceche: ©Foto Visita PragaBirre ceche: ©Foto Visita Praga

Come viene servita la birra a Praga e Repubblica Ceca

La birra in Repubblica Ceca viene servita in bicchieri da mezzo litro e se si desidera una quantità inferiore occorre specificarlo. Attenzione anche ad appoggiare il boccale vuoto sul tavolo: automaticamente ne arriverà uno pieno! Poco male, anche perché in questo Paese di buongustai la birra è un piacere per il palato accessibile davvero a tutti, con costi davvero concorrenziali.

Raramente i locali cechi servono birre diverse: ogni birreria è una sorta di tempio dove degustare uno specifico tipo di birra o comunque una gamma di etichette delle stesso produttore. Per orientarsi basta far caso al contrassegno appeso all’ingresso.

Di solito ordinando semplicemente “una birra” sul tavolo approderà quella normale, da 10°. Per averne una più forte basta però farne richiesta al cameriere.

Nelle birrerie ceche si usa annotare gli ordini con una lineetta: così, per quanto piccolo possa essere il foglietto, ci sarà sempre spazio per abbondanti consumazioni!

Ogni birreria concepisce nella forma, nel disegno e nei colori il proprio sottobicchiere quasi fosse un biglietto da visita, che il consumatore non di rado ama collezionare come un vero e proprio souvenir.
Nella stagione estiva non si contano sul territorio ceco le feste della birra, organizzate dai grandi marchi ma anche dai microbirrifici con musica, spettacoli, competizioni e ovviamente barili di birra.

Una sempre più nutrita schiera di patiti della birra e semplici curiosi ogni anno va ad alimentare un fortunato movimento turistico a tema. Tanto che a loro è dedicato la speciale brochure “Beer Travels” dell’Ente Nazionale Ceco per il Turismo, una guida maneggevole ricca di itinerari e indirizzi “spumeggianti” su tutto il suolo nazionale.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Praga Repubblica Ceca iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*