Google suggerisce “hotel in fallimento”, finisce in tribunale

hotel Ballymascanlon
hotel Ballymascanlon

Una volta c’erano i suggeritori ufficiali quelli, cioè, che all’interno di una buca facevamo da memorandum agli attori sul palco. Ai più popolari si aggiungono i più amati: i suggeritori con ruolo di supporto all’amico di scuola sotto interrogazione. Poi arriva suggest, un suggeritore che non ha il volto umano ma solo quello di un motore di ricerca Internet, creato per “suggerire” all’utente l’eventuale parola cercata.

Lanciato da non molto tempo, Google suggest è oramai parte integrante del motore di ricerca. Alcuni lo trovano inutile, altri invadente, altri lo ignorano e c’è chi, invece, trascina in tribunale Google per un suggerimento sbagliato.

Detta così potrebbe essere considerata esagerata la reazione avuta da un hotel irlandese, per la precisione l’hotel Ballymascanlon, ma scorrendo bene la storia tutto diventa plausibile.

Google Suggest, secondo l’accusa dei proprietari dell’hotel di quattro stelle usato soprattutto per nozze, al momento dell’immissione del nome dell’hotel suggerisce la parola “fallimento”. Un bel pasticcio, non c’è che dire, soprattutto se l’hotel non ha mai subito un fallimento e ha bisogno di una buona reputazione per accogliere i suoi ospiti (come tutti gli hotel, del resto).

E allora? I gestori dell’hotel Ballymascanlon (nome non certamente facile da ricordare ma che non ha bisogno di suggeritori, soprattutto di quelli che imboccano il falso) hanno più volte fatto presente la situazione a Google, chiedendo la rimozione della parola “fallimento” accanto a quella dell’hotel. Nonostante i ripetuti tentativi l’esito ha avuto come risposta un nulla di fatto. Da qui l’iniziativa dell’hotel, grazie anche alla pubblicità gratuita dei media che hanno dato risalto alla notizia, di citare in giudizio la società di Mountain View.

Tuttavia all’hotel basta poco: evitare che spose in lacrime chiamino perché informate, dal suggeritore di Google, del fallimento in atto. A Google non resta che accontentare tutti mettendo il velo, non alle spose, ma al suggeritore.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*