Google Places e TripAdvisor, nessun accordo per il blocco alle recensioni

TripAdvisor
TripAdvisor

Nonostante i rumors dei giorni scorsi che riferivano di un accordo tra Google e TripAdvisor, permane il blocco delle recensioni degli hotel di TripAdvisor all’interno di Google Places. L’ufficialità è arrivata con una dichiarazione che sottolinea come, nonostante quello che si dice in giro (il riferimento è alle voci di corridoio), TripAdvisor continua a non cedere le recensioni degli hotel a Google.

Del blocco delle recensioni di TripAdvisor all’interno di Google Places avevo già riferito qualche giorno fa. Da allora i due player continuano a tenere colloqui al fine di giungere ad un’intesa. Sul motivo del disaccordo non trapelano dettagli ma è facile immaginare che tutto ruota intorno all’argomento pecunia. E se da una parte TripAdvisor si affretta a smentire le voci dell’accordo raggiunto non altrettanto fa nei riguardi di un’altra voce insistente che gira negli ambienti finanziari e del mondo digitale.

L’organizzazione FairSearch, nata da una cordata di aziende contro l’acquisizione di ITA software da parte di Google (acquisizione che non piace neppure ai consumatori), è capeggiata da Expedia, proprietaria di TripAdvisor.  In questi ultimi giorni si stanno aggiungendo “nomi pesanti” alla crociata contro Google, tra i quali il nemico numero uno Microsoft, e un accordo con Google da parte di Expedia potrebbe suonare come una resa sul fronte FairSearch. Un incidente diplomatico che Expedia si guarda bene dal far accadere. Per la verità in prima battuta Expedia ha smentito che sia questo il motivo del disaccordo con Google evidenziando come l’intesa non è di utilità per l’utente. La motivazione suona molto debole in un mondo in cui l’utente viene preso in considerazione solo come paravento o specchio delle allodole. E voi cosa pensate ? Non siete d’accordo?

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Senza categoria iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*