Google Panda, i siti di viaggio penalizzati dal nuovo algoritmo

Google Panda colpisce alcuni siti di viaggio
Google Panda colpisce alcuni siti di viaggio

Lo chiamano Google Panda e, sebbene il nome può lasciare pensare ad un simpatico orsacchiotto, si tratta di un algoritmo che nulla ha a che fare con il mondo animale. Google Panda è stata lanciato a fine febbraio negli Stati Uniti con l’intendo di eliminare dalla ricerca organica del motore tutti quei siti che si posizionano nonostante mostrino contenuto di scarsa qualità, duplicato o con “poco piombo” (termine che proviene dall’editoria tradizionale  e che indica una pagina con pochissimo testo).

Da qualche giorno Google Panda ha fatto la sua comparsa nel Regno Unito. La scelta di Google di adottare l’algoritmo anche nei Paesi anglofoni europei è determinata dai risultati positivi, così come hanno fatto sapere da Mountain View. In attesa che Google Panda faccia la sua comparsa anche in Italia (l’attesa è spasmodica e al cardiopalma per molti operatori Web) ecco che dalla Gran Bretagna arrivano le prime vittime del “ciclone Panda”.

Tra i siti più grandi fa riflettere l’azzeramento (o quasi) di Ciao.co.uk che perde circa il 94% del traffico organico di Google. Diversi i siti di viaggio che sono stati presi di mira dal nuovo aggiornamento di Google.

Tra questi spicca WorldTravelGuide.net un sito che a prima acchito non sembra meritare una perdita considerevole (circa l’80%) del traffico organico di Google. Le guide e i testi in generale sembrano originali, la qualità non sembra un problema del sito (non credo che un algoritmo sia capace più di un essere umano di valutare un testo, da questo punto di vista). L’unico elemento che mi salta agli occhi è la lunghezza dei testi. Ho volutamente misurato uno dei testi più lunghi del sito, corrispondente ad una sola pagina, ed effettivamente il risultato è stato di circa 1000 battute. Nel sito, però, abbondano pagina con testi di poche righe e, quindi, di poche centinaia di battute. Che sia stato questo l’elemento penalizzante determinato da Google Panda?

Altri due siti che hanno subito una consistenza perdita di traffico (circa l’80% anche per questi siti) sono abbastanza speculari: airfaresflights.co.uk  e justtheflight.co.uk. In questo caso non c’è alcun dubbio, i due siti sono assolutamente privi di testo ed è normale che agli occhi di Google Panda sono apparsi troppo “business” per essere presi seriamente in considerazione nelle SERP del motore di ricerca. Che Google consigliasse di seguire la strada a pagamento di Google AdWords ovvero gli annunci a pagamento che precedono i risultati naturali?

Come accade nelle battaglie, ci sono vincitori e vinti. Tra i siti che invece escono rafforzati all’indomani del lancio di Google Panda, c’è Laterooms.com. Ad essere franchi non noto nessuna particolare differenza con i due siti prima citati se non una pulizia della pagina. Evidentemente la forza del brand (nel Regno Unito questo sito è molto noto) ha evitato una penalizzazione. E’ chiaro che questa è solo una avventata previsione o provocazione. Tuttavia è evidente che il +18% del traffico dichiarato dal sito all’indomani dell’attivazione di Google Panda, può essere determinato dai posti lasciati vuoti da chi è caduto sotto la scure di Google.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Senza categoria iscriviti alla nostra newsletter

3 Commenti

  1. Al momento la versione britannica di Zoover (Zoover.co.uk) sembrerebbe tra i fortunati con un incremento del 110% nelle ultime 4 settimane sulle visite. Inoltre è notevolmente migliorato il numero di page views, addirittura del ca. 360% rispetto a 4 settimane fa. Quindi, vai Panda!

  2. Ciao Michele, grazie per aver lasciato il tuo contributo. Evidentemente Zoover corrisponde al sito “ideale” per Google. Staremo a vedere cosa succederà in Italia. Se l’algoritmo farà il suo “dovere” credo che i “siti sanguisuga” che foraggiano anche società per azioni, li vedremo scomparire. Sono in attesa di capire anche cosa succederà ai siti che in Italia ancora vivono di link nascosti e di contenuti copiati. Anna

  3. Salve Michele, Panda è stato introdotto in uk l’11 aprile. Hai i dati esatti di queste ultime 2 settimane? incrementi precedenti all’11 aprile non sono legati a panda.
    grazie in anticipo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*