Google e biglietti aerei online, insorgono i player del settore

Fairsearch.org
Fairsearch.org

Google manipolatore del mercato online dei biglietti aerei è l’opinione di molti player del settore che formalmente hanno espresso le loro perplessità nei confronti della società californiana.

Con l’acquisizione di ITA Software, società operante nel settore viaggi ed in particolare nella vendita di biglietti aerei, da parte di Google, molti player hanno incominciato a paventare la minaccia di BigG.  L’operazione da oltre 700 milioni di dollari non è ancora definita ma è in dirittura d’arrivo. Sebbene la società di Mountain View fin da subito ha dichiarato di non volere vendere voli ma di voler acquisitare ITA Software con lo scopo di avere dati ed informazioni del settore viaggi, molti protagonisti di questo mercato hanno ignorato questa rassicurazione.

FairSearch.org per contrastare Google
La minaccia Google, dunque, che in tutto il mondo ha una posizione dominante in Internet con oltre il 77% degli utenti che utilizza il motore di BigG (in Italia la percentuale sale sensibilmente) è il motivo della nascita di FairSearch.org, organizzazione che si prefigge  di contrastare questa ascesa con iniziative di varia natura (petizioni, azioni legali, etc.). Tra i membri di questa organizzazione si trovano nomi illustri e leader del mercato viaggi online come, tra gli altri, Expedia, Kayak, Sabre Holdings e Farelogix. Il contributo di queste società è molto importante per scongiurare l’inserimento di Google nel mercato dei voli aerei online che porterebbe a perdite di quote di mercato in modo consistente. Tra le prime iniziative dell’organizzazione si evidenzia l’appello al Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di bloccare l’ascesa di Google in questo mercato.

Anche Bing utilizza ITA Software prossimo acquisto di Google
Bing, competitor di Google targato Microsoft, utilizza dati di ITA Software per le proprie ricerche. Con questa operazione dovrà essere lo stesso Google a dare tali informazioni a Bing, oltre alle molteplici società operanti nel settore dei viaggi online.

Il mercato italiano dei voli online ne risentirà?
Negli Stati Uniti l’utilizzo di ITA Software da parte di società del settore è di oltre il 65%. Molte società operanti in Italia sono multinazionali che operano in più Paesi. E’ evidente che la minaccia temuta dai vari player del mercato non riguarda solo gli Stati Uniti ma anche il resto del mondo, Italia compresa, che vede una netta predominanza di Google tra i navigatori italiani, percentuale più elevata rispetto altri Paesi tra i quali gli stessi Stati Uniti.

Chi acquista viaggi che beneficio o danno può ricevere?
Secondo la cordata delle aziende che costituiscono FairSearch.org saranno proprio i consumatori, i fruitori di viaggi online, a pagare le conseguenze dell’affare Google. La dominanza di Google in Internet è nota ai più e anche a chi utilizza il Web in forma blanda. Questa posizione potrebbe consentire alla società di Mountain View di conoscere in anticipo i dati del mercato e di poter far lievitare i prezzi con manipolazioni a proprio piacimento.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*