Fiera di Sant’Orso ad Aosta

E’ la più antica e famosa fiera artigiana dell’arco alpino, che si svolge ogni anno il 30 e 31 gennaio nel cuore di Aosta, nel Bourg de St. Ours, il nucleo che porta il nome del santo.

La leggenda narra che proprio St. Orso (V-VIII sec. d.c.) abbia dato inizio alla tradizione, distribuendo ai poveri indumenti e sabot, i tipici zoccoli in legno della Val d’Ayas. E ancora oggi sono proprio i sabot ad essere protagonisti della rassegna, tornati di gran moda, grazie anche alle modernissime e iperpubblicizzate Crocs. Ma, oltre agli zoccoli, sono tantissime le attrazioni e le curiosità della Fiera: sculture tradizionali in legno, oggetti in ferro battuto e in pietra ollare; manufatti in cuoio, tessuti di lino, canapa, antichi taglieri, attrezzi agricoli, mobili, maschere e giocattoli. E si dice, che l’acquisto di un oggetto su queste bancarelle, sia di buon auspicio per tutto l’anno. Al mercato, fanno da cornice anche diverse manifestazioni e intrattenimenti musicali: degustazioni di specialità tipiche in piazza Plouves; la Veillà del 30 gennaio, la festa popolare accanto all’antica Porta Praetoria , con gruppi folcloristici e distribuzione di vin brulé e lo spettacolo di chiusura, il 31 gennaio, a cura del gruppo dei Trouveur Valdotén.

Per saperne di più: Turismo Valle d’Aosta, tel. 0165.236627

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione AOSTA iscriviti alla nostra newsletter