Festival dei due Mondi di Spoleto, in prima fila

La kermesse fondata da Gian Carlo Menotti (il celebre compositore italo americano), che elesse Spoleto (PG) a città ideale per realizzare il suo grandioso progetto musicale.

L’esordio nel 1956 col Macbeth di Giuseppe Verdi, per la regia di Luchino Visconti, diede il via ad uno dei Festival di Musica più prestigiosi d’Italia, da sempre caratterizzatosi per la ricerca e la contaminazione di danza, prosa e lirica. In ogni edizione la partecipazione dei più affermati professionisti del settore e dei più promettenti giovani talenti, attrae visitatori da tutto il mondo. Francis Menotti, presidente e direttore artistico, continua la infaticabile tradizione del padre fondatore, dando vita ad una fucina inesauribile di spettacoli, che incantano il pubblico a suon di concerti sinfonici, opere liriche, physical theatre, danza classica e contemporanea. Un evento imperdibile e da godersi “in prima fila”. A due passi dal centro storico c’è Villa Milani, una deliziosa residenza d’epoca di charme, intima e romantica.
Soltanto 11 camere per assicurare privacy, quiete e relax agli ospiti. Grande raffinatezza ed eleganza negli arredi, cura e attenzione per ogni esigenza di chi vi soggiorna, panorama e scenari da sogno. Dal giardino e dalle camere si intravedono il gioco di volumi del grandioso Ponte delle Torri, la possente mole della Rocca di Albornoz, i profili dei palazzi del centro storico, le sagome delle torri e dei campanili. La proposta legata al Festival di Spoleto comprende due pernottamenti, cocktail di benvenuto, giornale preferito (solo italiano), prima colazione a buffet, una cena in Villa (vini esclusi), la prenotazione di una spettacolo a richiesta, partenza ritardata entro le ore 16 e notti aggiuntive a tariffa ridotta a partire da 300 euro per persona in camera doppia.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Spoleto iscriviti alla nostra newsletter