Expedia scorpora TripAdvisor

 

TripAdvisor spin off di Expedia
TripAdvisor spin off di Expedia

Presto TripAdvisor sarà scorporata da Expedia per divenirne una spin off. Sono questi i  rumors che in questi giorni sono apparsi sulla stampa americana, in particolare sul Wall Street Journal, che però non sembrano molto distanti dalla realtà. Il perché Expedia vuole liberarsi di TripAdvisor è molto semplice. Il sito di recensioni viaggi, che da qualche mese ha affiancato al sistema di comparatori hotel anche quello dei voli, è divenuto molto grande. La quotazione del business è intorno ai 4 miliardi di dollari.

La crescita esponenziale di TripAdvisor per la verità non è una novità. Frutto della logica di una Web di nuova generazione che molti hanno appellato “Web 2.0”, il sito più noto al mondo per le recensioni di viaggi (in particolari di hotel) è stato il primo a sfruttare la forza degli stessi utenti per crescere in forma così prepotente tanto da conservare una leadership incontratata.  Più volte ho sottolineato come il contenuto è il re (non è una mia affermazione ma la condivido in pieno) ed è proprio questo sovrano ad avere arricchito il sito e le tasche di TripAdvisor grazie agli stessi utenti della community che spendono fiumi di parole per suggerire e sconsigliare hotel e vacanze.

Dopo un periodo non molto lungo ma normale per Internet, ecco che TripAdvisor è pronto a fare l’ulteriore salto di qualità, scorporandosi da Expedia che comunque resterà la società proprietaria. Plaude anche la borsa di Wall Street a questa operazione. Intanto in molti sono a chiedersi il perché di tale scelta. Per alcuni TripAdvisor potrà correre da sola e attrarre nuovi investitori e azionisti, per altri si tratta di una scelta per lo più legata alle forme business diverse dei due siti che, viaggiando su binari diversi, potranno intraprendere direzioni diverse senza che le preferenze possano condizionare i reciproci business. Solo il tempo potrà dare risposte a questi dubbi non amletici ma legittimi. Staremo a vedere.

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Senza categoria iscriviti alla nostra newsletter
Informazioni su Anna Bruno 397 Articoli
Anna Bruno, giornalista professionista. Muove i primi passi come cronista a La Gazzetta del Mezzogiorno. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), spettacoli e tecnologie. Scrive per i principali magazine del settore viaggi ed è esperta di digital travel. Nel 2001 fonda FullTravel.it, magazine di viaggi, del quale è tuttora direttore responsabile. E’ appassionata di fuori rotta e posti insoliti.

7 Commenti

  1. Ciao Anna, avrei solo due osservazioni da farti:

    1. Il contenuto è il Re, certo! Solo che in questo caso il contenuto non sempre è veritiero. Quindi che contenuto “Re” potrebbe mai essere questo?

    2. Quando parli di un nuovo “salto di qualità” di TripAdvisor, non riesco a capire quali siano gli altri salti di qualità 🙂

  2. Ciao Danilo, intanto grazie per aver commentato su questo blog. Il contenuto è re su TripAdvisor perchè è grazie ad esso che è diventato grande (al di là se fosse di qualità o meno). Mi sono limitata ai dati di fatti. Per quanto riguarda “il salto di qualità” a mio avviso la sua crescita corrisponde ad una serie di salti di qualità. Non ultima l’introduzione della comparazione voli che porta TripAdvisor ad ulteriore sfida con porta aperta verso il successo (è sufficiente guardare i competitor cosa stanno facendo). Sia chiaro, in questo post mi sono limitata a parlare di fatti oggettivi. Su TripAdvisor e sulle recensioni “false” mi sono espressa più volte su questo blog (vedi i post correlati o fai una semplice ricerca). Se mi segui da un po’ sai bene che adotto sempre un occhio critico. Non amo le marchette, le lascio ad altri 🙂 Anna

  3. Ciao ragazzi, io ho usato molto spesso tripadvisor e devo dire che mi sono imbattuto spesso in pareri molto contrastanti tra loro, quindi alla fine tutto va preso in grandi linee e non per oro colato.

    Se volete dare un’occhiata, e dare un parere, al mio blog su Londra sarei molto felice.

    http:tutto-su-londra.blogspot.com

    buona giornata.

  4. Expedia possiede Tripadvisor.
    Expedia vende camere e servizi turistici
    Tripadvisor VENDE REPUTAZIONE.
    Tripadvisor è uno strumento di Expedia per monopolizzare il mercato.

    Ad oggi nessuno è in grado di distinguere recensioni vere da quelle fasulle.
    Nessuno è in grado di distinguere recensioni impraziali da diffamazioni.

    Expedia-Tripadvisor non fa nulla per risolvere tali limiti e problemi ( in realtà non può visto il modello di business e la metodologia di rastrellamento incontrollato delle recensioni ).

    Solo per diritto di cronaca: …
    http://www.timesonline.co.uk/tol/travel/news/article6583450.ece

    Expedia-Tripadvisor sta SVUOTANDO DI VALORE LE RECENSIONI….quelle vere….che nessuno sa come distinguere nel calderone del contentuo pubblicati!

    …e per finire…Tripadvisor , proprietà di EXPEDIA , NON ha una sede legale in Italia, pur avendo un dominio .it ….se non avesse nulla da nascondere probabilmente si comporterebbe come qualsiasi soggetto giuridico legale….

  5. expedia e trip advisor sono stati condannati dal tribunale di parigi in quanto insieme ad altri portali come venere.com vogliono monopolizzare il mercato alberghiero a favore dei “grandi” e al dispetto dei piccoli.basti pensare che se un bed and breakfast chiede a exepedia di essere inserito,lo rifiuta ,sostenendo che in quella città anno gia’ troppe strutture e cosi aviene con tutti i portali che lavorano con trip advisor il quale emette nel caso in cui la struttura non paga (in quanti a me trip adviso mi ha chiesto soldi) solo le recenssioni negative mentre quelle positive non vengono pubblicate.quata gentaggtli vas messa in galera e severamente condannata

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*