Dal 19 aprile nel Sultanato dell’Oman

Ci troviamo nella penisola Arabica, terra dell’Islam e del petrolio. Le spiagge, che nei secoli scorsi erano conosciute come “Costa dei pirati” e “Costa della Tregua”, si estendono per migliaia di km. bagnate dal Mar Arabico, proprio sulla linea del tropico del cancro; qui il clima è si caldo ma anche umido.

Una jeep di Raid Inside © Diritti riservatiUna jeep di Raid Inside © Diritti riservati

Le piste sono innumerevoli anche se grazie alla conformazione del territorio, è possibile effettuare percorsi in fuoripista mentre estese ed anche molto selettive, sono le catene intricate di dune di sabbia presenti ovunque. Noto come l’eremita” del medio Oriente, l’Oman costituisce una meta “nuova” e ricca di interessi paesaggistici, storici ed etnologici di enorme valore. L’Oman è il più antico Stato indipendente del mondo arabo e storicamente contiene degli insediamenti umani, riconducibili al terzo millennio a.C. Muscat, la capitale è nata nel primo secolo d.C. diventando presto un importante e strategico centro commerciale conquistato nel tempo dai portoghesi. A nord dell’Erg Gharbanyat, il paesaggio da sabbioso diventa prettamente montuoso. Ai piedi della catena montuosa dell’Akhdar, si trova Nizwa, antica città raccolta attorno al suo souk. Tra le montagne, wadi Tanuf, ove si trovano i resti di uno splendido villaggio, e uno tra i sistemi di caverne sotterranee più ramificate a oltre 2.000 metri di altezza a Hoti Cave. Passata Rustaq antica capitale del paese nel medioevo, ci troviamo nel Wady Bani Kharus, ove sono situati interessanti graffiti di epoca storica. Seguendo la costa si arriva a Qalhat, con le rovine della città più antica dell’Oman e Sur, con le sue incantevoli spiagge e un interessante cantiere per la costruzione dei sambuchi, tipiche imbarcazioni locali. Passate le sorgenti calde e solforose di Abyadh, rientriamo a Muscat, dove ha termine il nostro viaggio. Non manca il contatto con il deserto di dune, il mitico Rub al Khali, nella regione del Ramlat Fasad, nella parte meridionale dell’Oman. Il Dhofar, un territorio montuoso che, durante il periodo delle piogge tra giugno e settembre, i monsoni trasformano in una intricata foresta tropicale. Uno spettacolo affascinante le cascate prendere vigore dalle forti piogge.
Osservando il mondo & Raid Inside
Via Boves 5
25124 Brescia
Tel/Fax: 030/3534778
Via Battisti 9
04100 Latina
Tel/Fax:0773/668891


Vedi anche » ,

Informazioni utili


Sito Web Cosa vedere a Arabia Saudita   Dove dormire a Arabia Saudita

Ti potrebbe interessare

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Arabia Saudita iscriviti alla nostra newsletter