Cosa vedere a Venezia, la città della laguna e del Carnevale

Venezia è una vera perla italiana, pittoresca, caratteristica, unica. Famosa ed evocata in tutto il mondo per le sue bellezze, per il suo Carnevale e per la lavorazione del pregiatissimo vetro. Abbiamo realizzato questa guida per aiutarvi ad organizzare il vostro viaggio e per consigliarvi cosa vedere a Venezia e cosa visitare.

Venezia, Canale GrandeVenezia, Canale Grande

Tutti i turisti nel mondo hanno nel cassetto il sogno di visitare Venezia. La città è famosa per l’arte e la cultura, per il suo Carnevale, per la lavorazione del vetro nella vicina isola di Murano. Venezia è una città semplicemente unica nel suo genere. La nostra guida vi permetterà di organizzare la vostra vacanza e sapere cosa vedere a Venezia e cosa fare durante il vostro soggiorno.

Cosa visitare a Venezia: luoghi di interesse

Sono tanti i luoghi straordinari che potrete visitare a Venezia, ma se avete poco tempo non abbiate paura. In questa guida troverete cosa vedere a Venezia in un giorno.

Piazza San Marco

Piazza San Marco è il luogo simbolo della città ed è il cuore di Venezia. Al centro spicca maestoso il Campanile di San Marco, famoso in tutto il mondo. Ritrovo di turisti e cittadini veneziani, pullula di bar e locali.

Palazzo Ducale

Il Palazzo Ducale racchiude tutta la storia di Venezia e i suoi abitanti sono molto legati alla sua figura. Gli interni ospitano quadri, sculture e soffitti affrescati. Attraversando il famoso Ponte dei sospiri, potrete raggiungere le Prigioni Nuove in cui troverete anche Casanova.

Canal Grande

Il Canal Grande è il più famoso degli oltre 150 canali di Venezia; facendo un giro in vaporetto avrete modo di vedere alcuni dei monumenti più belli della città. In alternativa, potrete attraversare il Canal Grande e gli altri canali veneziani, in gondola. Una scelta forse non troppo economica, ma sicuramente ricca di fascino! Da inserire sicuramente nella lista “Cosa fare a Venezia”.

Galleria dell’Accademia

Visitando la Galleria dell’Accademia di Venezia potrete osservare una rassegna unica di opere appartenenti al periodo che va dal ‘300 al ‘700. Si tratta della collezione più grande relativa alla pittura veneziana.

Ponte di Rialto

Il Ponte di Rialto è una delle principali cose da vedere a Venezia. Rappresenta una delle icone della città e, insieme al campanile di piazza San Marco, è riconoscibile in tutto il mondo.

6 Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari

La Basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari è la più grande chiesa di Venezia dedicata all’assunzione di Maria. Architettonicamente molto particolare.

7 Chiesa di Santa Maria Maggiore di Venezia

La cinquecentesca chiesa di santa Maria Maggiore fu adibita agli usi più diversi fino a che, sul finire dell’ottocento, ormai in stato di abbandono, venne ceduta all’Amministrazione dei Monopoli dello Stato che l’adibirono a magazzino dei Tabacchi. In quell’occasione si approntarono delle modifiche all’impianto interno dell’edificio. Tali sovrastrutture ottocentesche sono state poi rimosse nel corso di un restauro eseguito sul finire degli anni sessanta dalla Soprintendenza. La navata centrale era decorata da un ciclo d’affresco rappresentante ‘L’Esaltazione della Croce’ , ‘Le Anime del Purgatorio’, ‘La Madonna in Gloria con S. Francesco’. L’affresco, datato 1700, è stato strappato nel corso dell’intervento citato per consentire il risanamento del supporto degradato.

8 Palazzo delle prigioni

Edificio ideato fin dal 1563 da G.A. Rusconi per supplire, in parte, alle carceri di Palazzo Ducale, ospitava, nelle tre sale verso Riva degli Schiavoni, i ‘Signori di Notte al Criminale’,magistratura preposta a sorvegliare i costumi dei cittadini specialmente nella vita notturna. La costruzione, ripresa nel 1589 da Antonio da Ponte, fu ultimata da Antonio e Tomaso Contino nel 1614.

9 Palazzo Mocenigo, Venezia

Dimora gentilizia a San Stae, conserva preziosi arredi e dipinti settecenteschi. É sede del Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, che si compone di ricche e articolate raccolte, provenienti da diverse collezioni. Di esse, il museo espone una selezione di pezzi rari – tessuti e costumi – di particolare pregio. Il corpus del patrimonio è custodito nella imponente tessilteca. Il Museo offre inoltre agli studiosi una notevole biblioteca specializzata nel settore.

10 Casa di Carlo Goldoni

Casa natale del celebre commediografo, si trova a Palazzo Centanni, a San Polo. Ospita un piccolo museo goldoniano ricco di moderne suggestioni didattiche oltre al celebre teatrino di marionette proveniente da Ca’ Grimani ai Servi e già incluso nelle collezioni di Ca’ Rezzonico. Molto importanti sono l’archivio e la biblioteca (oltre 30.000 opere) di testi e studi teatrali con manoscritti originali.

11 Ca’ Rezzonico

Si tratta di uno dei più famosi palazzi di Venezia, caratteristico, situato nei pressi di Dorsoduro. La sede a Palazzo Rezzonico, opera di Longhena e Massari. Ospita importantissime opere pittoriche del Settecento Veneziano, dai Tiepolo a Rosalba Carriera, dai Longhi ai Guardi a Canaletto, ambientate in un contesto di preziosi arredi e suppellettili dell’epoca.  Notevolissime donazioni, tra cui spicca quella di Egidio Martini, hanno recentemente arricchito il museo di altre trecento opere di artisti che includono Cima da Conegliano, Alvise Vivarini, Bonifacio de’ Pitati, Tintoretto, Sebastiano e Marco Ricci e ancora i Tiepolo, i Longhi, Rosalba, Francesco Guardi. Merita di far parte della lista “Venezia: cose da vedere”.

12 Procuratie nuove, ex Palazzo Reale

Costituito da più corpi di fabbrica tra cui le Nuove Procuratie, antiche dimore dei Procuratori, il Palazzo divenne, con Napoleone 1°, sede imperiale. Quindi, con il passaggio della città all’Austria e all’Italia, poi, fu casa imperial-reale e dimora sabauda. Nel 1919 avvenne, da parte di Vittorio Emanuele III, la cessione alla stato italiano. E’ attualmente occupato da vari uffici.

Venezia, Piazza San MarcoVenezia, Piazza San Marco

13 Arsenale di Venezia

Complesso architettonico che ha origine agli inizi del XIII secolo, successivamente ampliato e arricchito di ulteriori fabbriche al’interno con continuità fino ai primi decenni del XX secolo. E’ costituito da specchi acquei, spazi aperti, strutture, architetture, elementi d’arredo di rilevante valore storico-artistico, ambientale e documentario. Tutti gli elementi presenti sono fortemente legati alla tradizione costruttiva veneziana e configurano un ambiente organico ed unitario da considerare in modo integrale e inscindibile. In particolare si segnalano per il fondamentale valore :le Corderie della Tana; le Gaggiandre; le Officine delle Artiglierie; l’edificio degli Squadratori; il Ricovero Bucintoro; i portali delle Artiglierie e delle Sale d’armi; le Darsene; il monumentale ingresso in Campo dell’Arsenale.

14 Museo Fortuny

Il Museo Fortuny ha sede nell’omonimo palazzo di campo San Beneto, trasformato da Mariano Fortuny nel proprio atelier di fotografia, scenografia e scenotecnica, creazione di tessili, pittura: di tutte queste funzioni l’immobile ha conservato ambienti e strutture, tappezzerie, collezioni. È inoltre dotato di notevoli collezioni fotografiche e tradizionalmente è sede di attività legate alla comunicazione visiva. Aperto al pubblico e visitabile complessivamente su tre piani, il Palazzo ospita mostre temporanee a rotazione.

15 Museo del vetro di Venezia

Il Museo del Vetro ha sede nell’isola di Murano, a Palazzo Giustiniani. Le collezioni sono ordinate cronologicamente: oltre alla sezione archeologica, che comprende notevoli reperti romani tra il I e il III secolo dopo Cristo, vi si trova la più vasta rassegna storica del vetro muranese con importanti pezzi prodotti tra il Quattrocento e il Novecento, tra cui capolavori di rinomanza mondiale.

16 Caffè Florian

Tra le cose da fare durante il vostro soggiorno a Venezia, vi consigliamo di visitare questo caffè, il più antico caffè italiano. Attenzione ai prezzi però!

Se avete a disposizione altro tempo da dedicare alla visita di Venezia, vi consigliamo i seguenti luoghi di interesse:

  • Museo di Arte Sacra “Sant’Apollonia”, all’interno del monastero dei benedettini.
  • Pescaria, pittoresco mercato del pesce
  • Le zattere, ovvero la zona più meridionale di Venezia, che si affaccia sul Canale della Giudecca. Luogo ideale per una romatica passeggiata
  • Cannaregio, una delle zone più antiche e suggestive di Venezia
  • Venezia Lido, isola della laguna da raggiungere per una giornata di relax

Tra le cose da vedere a Venezia, vi consigliamo una visita all’isola di Murano (Venezia) per osservare la lavorazione del vetro famosa in tutto il mondo.

Informazioni in pillole su Venezia: come arrivare, dove dormire, cosa mangiare

17 Come arrivare a Venezia

Potrete raggiungere Venezia in auto, parcheggiando presso Venezia Tronchetto, area di sosta, e poi muovendovi in traghetto. Se preferite il treno, le stazioni più vicine a Venezia sono: Venezia Mestre e Venezia Santa Lucia. L’aeroporto di Venezia è invece il Marco Polo Venezia Airport.

18 Dove mangiare a Venezia

Dove mangiare a Venezia: vi consigliamo di spostarvi leggermente da Piazza San Marco per cercare ristoranti della cucina tradizionale e non spendere follie. Una volta effettuata la vostra scelta, ecco cosa mangiare a Venezia: risi e bisi, piatto tipico veneziano; fegato alla veneziana e fritole, dolce tipico del Carnevale di Venezia.
Se vi trovate a Venezia, inoltre, dovete assolutamente fare una tappa ai Bacari, tipiche osterie veneziane dove bere un bicchiere di ottimo vino accompagnato dai cicheti, piccole porzioni di piatti tipici come Sarde in Saor, Trippa, Acciughe e Baccalà fritto.

19 Dove dormire a Venezia

La scelta di un hotel a Venezia può essere complicata grazie ai prezzi spesso molto alti. Prendere un B&B a Venezia può essere però la soluzione migliore, privilegiando le zone leggermente più esterne ma ricche comunque di bellezze da visitare. Un esempio è Dorsoduro.

Meteo Venezia

Informazioni utili

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione VENEZIA iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*