Cosa vedere a Lecce, città barocca del Salento

Lecce, città unica e ricca di fascino con i suoi intarsi e decorazioni presenti in ogni angolo. Vi basterà passeggiare per le sue strade per coglierne la magia. Ecco una breve guida che vi aiuterà nell'organizzazione perfetta del vostro viaggio: cosa vedere a Lecce e dintorni.

Lecce
Lecce

Sommario

Siete in procinto di partire per Lecce, in Puglia e  vi state domandando quali sono le cose da vedere e quelle che non potete assolutamente perdere? Questa è la guida che fa al caso vostro. Abbiamo pensato di raccontarvi qualche curiosità sulla città salentina e di segnalarvi i principali luoghi di interesse che la città offre. Potrete quindi togliervi ogni dubbio su cosa visitare a Lecce e cosa vedere, anche con la Lecce city card.

Cosa vedere a Lecce in un giorno

Visitare Lecce nella sua totalità richiede diverso tempo, ma se avete un solo giorno a disposizione riuscirete comunque a vedere le cose principali, organizzando il vostro tour per tempo. Partiamo col dire che si tratta sì di una città ricca di opere d’arte risalenti all’epoca romana, medievale e rinascimentale ma Lecce è essenzialmente una città barocca.

Cattedrale di Lecce
Cattedrale di Lecce

1 Piazza Duomo

Da Piazza Sant’Oronzo, seguendo alcuni pittoreschi vicoli, si arriva a piazza del Duomo. Si tratta di una pizza molto ampia che presenta, di fronte all’unico accesso, il Duomo in stile barocco leccese. Nella piazza presente anche il Seminario, il Campanile e il Palazzo Vescovile. Piazza Duomo di Lecce è una tappa obbligata per chi vuole visitare la splendida città salentina.

Piazza Duomo a Lecce
Piazza Duomo a Lecce

2 Centro storico di Lecce

Centro storico di Lecce: proprio visitando questa parte della città, potrete rendervi conto di quanto l’arte barocca abbia influenzato l’architettura di questo luogo. I palazzi sono decorati in maniera decisa e la pietra leccese risalta rendendo questa zona della città calda e suggestiva: la colorazione dorata che caratterizza le abitazioni, le Chiese, i monumenti risalta da tutto il resto, rendendo l’atmosfera della città quasi surreale. A Lecce, il centro storico rappresenta il vero e proprio cuore cittadino, ed è proprio lì che sono collocati alcuni dei più importanti luoghi di interesse storico, religioso e turistico: la Chiesa di Santa Maria della Provvidenza, il Palazzo Adorno, la Basilica di Santa Croce e la Piazza Sant’Oronzo, salotto della città in cui troveremo anche la vivace vita di Lecce di sera.

Centro Storico di Lecce
Centro Storico di Lecce

3 Castello di Carlo V a Lecce

Il Castello di Carlo V a Lecce sorge in prossimità di Piazza Sant’Oronzo ed è uno dei simboli di Lecce. Anticamente usato come punto difensivo della città, è attualmente sede dell’Assessorato della Cultura del Comune di Lecce. Al suo interno oggi ci sono periodicamente mostre, attività culturali e manifestazioni. Potrete visitare la fortezza anche con tour guidati che vi porteranno alla scoperta delle sale del Castello e del Museo della Cartapesta. Senza ombra di dubbio un sito da inserire nell’elenco “Lecce: luoghi di interesse”.

Fontana del Castello di Lecce
Fontana del Castello di Lecce

4 Anfiteatro romano di Lecce e Piazza Sant’Oronzo

L’ Anfiteatro romano di Lecce è attualmente utilizzato come cornice per concerti e manifestazioni culturali, l’anfiteatro è la testimonianza più forte dell’influenza romana nella città pugliese. È uno dei luoghi che va assolutamente visitato. L’anfiteatro sorge al margine orientale della città romana e risale ad età augustea. Il monumento è a pianta ellittica con asse maggiore disposto in senso est-ovest e poteva contenere fino ad un massimo di 14.000 spettatori. Grazie agli scavi compiuti sono stati recuperati numerosi elementi architettonici in marmo ed elementi di decorazione scultorea dell’edificio, come il gruppo di capitelli “a calice” e alcuni bassorilievi con scene di venationes.

Anfiteatro romano di Lecce
Anfiteatro romano di Lecce

Chiese di Lecce e luoghi di culto

5 Basilica di Santa Croce

La Basilica di Santa Croce è uno dei monumenti più importanti della città ed è la chiara rappresentazione di quanto l’arte barocca abbia dominato negli anni e influenzato l’architettura della città salentina. Una vista a questa Basilica è da inserire nella lista “Cosa fare a Lecce”.

Basilica di Santa Croce, Lecce
Basilica di Santa Croce, Lecce

6 Chiesa di San Francesco della Scarpa

La chiesa di San Francesco della Scarpa a Lecce fu costruita nel XII secolo, su un terreno di proprietà della famiglia Guarini e venne poi rinnovata tra il 1699 e il 1714. L’assenza di un prospetto esterno riccamente decorato, come la maggior parte delle chiese leccesi, le ha conferito il soprannome di “chiesa senza facciata”.

Chiesa di San Francesco della Scarpa a LecceChiesa di San Francesco della Scarpa a Lecce

Musei a Lecce e pinacoteche

7 MUSA- Museo storico archeologico, Lecce

“Il Museo Storico-Archeologico (MUSA) dell’Università del Salento, inaugurato nel giugno del 2007, è stato realizzato nell’ambito del Piano Coordinato delle Università di Catania e Lecce (Iniziativa IN20) e finanziato dal Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica (MIUR) e dall’Unione Europea nell’ambito dei P.O.N. 1994/1999 e 2000/2006. Il MUSA nasce come struttura espositiva finalizzata alla valorizzazione, alla fruizione didattica e alla divulgazione delle ricerche condotte, nell’arco di diversi decenni, dagli archeologi e dagli storici antichi dell’Università del Salento. L’esposizione intende ripercorrere le tappe fondamentali dei percorsi di ricerca sviluppati dal settore di storia antica e archeologia dell’Ateneo leccese e, nel contempo, offrire un panorama aggiornato degli orizzonti d’indagine – dalla preistoria al medioevo, dal Salento all’Oriente mediterraneo – e delle risorse di cui oggi dispone in termini di competenze, strumentazioni e attrezzature di laboratorio.”

MUSA- Museo storico archeologico, Lecce
MUSA- Museo storico archeologico, Lecce

8 Museo provinciale Sigismondo Castromediano

Le tipologie di materiali conservati nel museo sono: beni numismatici; reperti archeologici; reperti antropologici; beni demo-etnoantropologici; opere e oggetti d’arte; disegni; fotografie; opere d’arte contemporanea. Il museo si caratterizza per la molteplicità delle sue collezioni suddivise in altrettante sezioni: preistorica, archeologica, medievale, barocca, Ottocento e Novecento salentino. Le collezioni archeologiche provengono da scavi della fine dell’Ottocento e si sono arricchite con campagne di scavo finanziate dalla Provincia di Lecce (Roca, Rudiae, Cavallino, Poggiardo). Consentono di offrire un panorama organico della civiltà messapica nel Salento dal VII sec. a.C. Acquisti, donazioni e depositi ne hanno arricchito la consistenza e le classi (vasi attici, apuli, locali, bronzi, terrecotte, iscrizioni). Le sezioni storico – artistiche hanno dato vita ad una Pinacoteca (polittici veneziani del Tre e Quattrocento, pittura napoletana dal Cinquecento al Settecento, ceramiche, vetri, tessuti, argenti dell’età barocca) ed alla sezione “Artisti Salentini tra Otto e Novecento”.

Museo provinciale Sigismondo Castromediano, Lecce
Museo provinciale Sigismondo Castromediano, Lecce

9 Museo del teatro romano, Lecce

“Annesso al teatro, il museo del Teatro Romano di Lecce è stato allestito dalla Fondazione Memmo, in alcune sale del prestigioso palazzo del seicento appartenuto alla famiglia Romano. Il museo oltre a contenere reperti provenienti dagli scavi effettuati nella prima metà del secolo scorso che hanno riportato alla luce l’antico monumento, custodisce un’esposizione intitolata “” Roma. La scena della vita”” realizzata in collaborazione con la Sovrintendenza Archeologica di Roma e la Sovrintendenza Archelogica della Puglia, che illustra il tema della scenografia e della rappresentazione illusionistica nel mondo romano. Di grande effetto scenico la serie delle nove maschere teatrali provenienti dalla Villa Adriana a Tivoli. Infine, grazie ad un plastico, è possibile vedere la ricostruzione di un’ampia area urbana di Lupiae (l’antica Lecce) in età imperiale romana.”

10 Museo dei ragazzi di Lecce

Il Museo dei raggi di Lecce è un “museo non museo”, impostato secondo le moderne teorie della didattica museale, costituito da copie, ricostruzioni, riproduzioni di oggetti preistorici. Un personaggio-guida, Mister Caveman, riprodotto sui pannelli esplicativi, raccontando nei suoi fumetti l’origine dell’uomo e la sua evoluzione culturale, contestualizza gli oggetti esposti, inserendoli in un percorso che giunge fino alla prima età del ferro.

Altri musei di Lecce

11 Cosa comprare a Lecce

Lecce è un piccolo eldorado anche per l’artigianato artistico, soprattutto la lavorazione della cartapesta, arte povera, che affonda le radici nel Seicento. In via Vittorio Emanuele, si annidano diversi laboratori, tra cui quello di Claudio Riso, dov’è possibile seguire le varie fasi di lavorazione e ammirare opere a soggetto sacro e profano. A fianco della Chiesa del Gesù, spunta la mostra mercato permanente dell’artigianato tipico, il posto giusto per acquistare le pignatte, il caratteristico vasellame col disegno del gallo; mentre per oggetti, lampade e altri complementi d’arredo in pietra leccese vale la pena fare un salto da Tracce, in Corte dei Romiti e da Petra Aurea, nella centrale via Palmieri.

Artigianato a Lecce
Artigianato a Lecce

Lecce in pillole: come arrivare e dove mangiare

12 Come arrivare a Lecce

Se volete raggiungere Lecce in aereo, tenete a mente che il più vicino aeroporto a Lecce è quello di Brindisi che dista circa 30 km dal centro della città, che potrete raggiungere in taxi, noleggiando una macchina o grazie al servizio autobus, davvero ben organizzato.

Aeroporto di Brindisi
Aeroporto di Brindisi

13 Cosa mangiare a Lecce

Vi consigliamo tassativamente di assaggiare i piatti tipici salentini, in particolar modo il rustico leccese, formato da due dischi di pasta sfoglia ripieni di mozzarella, pomodoro, besciamella e noce moscata. Come non citare la puccia, il pane tipico, da gustare semplice o farcito. Altro piatto tradizionale da non perdere durante la vostra vacanza nel Salento è il pasticciotto leccese, da mangiare rigorosamente caldo, appena sfornato, da accompagnare ad una tazza di caffè salentino.

Pasticciotto leccese e caffè salentino
Pasticciotto leccese e caffè salentino

14 Dove mangiare a Lecce

Sono tanti i ristoranti a Lecce nei quali avrete modo di poter gustare dell’ottimo cibo. Tra una visita e l’altra (il Duomo e la sua splendida piazza chiusa su tre lati; la Basilica di S. Croce con la facciata scolpita a merletto e l’adiacente palazzo del Governo; piazza Sant’Oronzo, cuore della vita cittadina, con i resti di un Anfiteatro romano…), è molto piacevole mescolarsi ai leccesi, prendere parte ai loro piccoli riti quotidiani: un caffè o un aperitivo al Caffè Alvino (anche B&B), bar storico in piazza Sant’Oronzo di fronte all’Anfiteatro; un bicchierino di rosolio con un pezzetto di cotognata al Bar della Cotognata Leccese vicino al castello; una full immersion tra i pasticciotti (fagottini di pasta frolla ripieni di crema pasticcera), i fruttoni con pasta di mandorle e i gelati cremosi della Pasticceria Natale, in via Trinchese. E una puntata da Valentina, in via Petronelli, gettonata per taralli all’extravergine, orecchiette, conserve e marmellate.

Caffè Alvino, Lecce
Caffè Alvino, Lecce

Mappa di Lecce

Informazioni utili

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione SALENTO iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*