Commissioni carte di credito su voli low cost: stop dal 2014

L'usuale pratica di addebitare cifre per commissioni di utilizzo di alcune carte di credito all'atto dell'acquisto di biglietti per voli low cost sta per finire: dal 2014 le compagnie aeree non potranno più farlo.

Commissioni carte di credito su voli low cost presto vietateCommissioni carte di credito su voli low cost presto vietate

Sembra che l’epoca del pagamento di spese extra al momento dell’acquisto di titoli di viaggio per voli low cost stia per terminare: il commissario dei trasporti dell’UE, Siim Kallas, si è espresso in merito e ha fissato il limite del 2014 per regolamentare questa situazione.
L’eurodeputato Matteo Salvini (Lega Nord) in data 23 settembre 2011 ha portato all’attenzione della commissione questa pratica, riferendosi nello specifico alla procedura di acquisto voli Ryanair e puntando il dito sul fatto che le commissioni su determinate carte di credito (Amex e Visa ad esempio) vengano applicate su ogni biglietto acquistato, a prescindere dall’importo pagato e dalle transazioni bancarie effettuate.
Il commissario Siim Kallas si è dunque pronunciato sulla formale interrogazione presentata da Salvini, assicurando che entro il 2014 sarà applicato anzitutto “il divieto di qualsiasi sovrapprezzo supplementare di cui il cliente non sia stato informato in precedenza” e inoltre la commissione UE vieterà “ai commercianti di addebitare ai consumatori, per l’utilizzo di un mezzo di pagamento, spese superiori a quelle sostenute”.
Buone notizie dunque per i viaggiatori e per gli utilizzatori assidui di voli low cost; tuttavia, è pur lecito pensare che le compagnie aeree difficilmente vorranno rinunciare a queste cifre extra per far quadrare i conti.
Quale sarà dunque la reazione dei vettori? Il dibattito oggi è stato solo aperto.


Vedi anche »

Informazioni utili

Cosa vedere a Roma   Dove dormire a Roma
 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Roma iscriviti alla nostra newsletter