Carta dei diritti del passeggero per non vedenti

Enac distribuisce la carta dei diritti del passeggero in braille, destinata ai viaggiatori non vedenti. L'iniziativa non ha precedenti in Europa.

Un primato lusinghiero per l’Italia, un atto di civiltà che dovrebbe rientrare nella normale prassi, eppure fino ad oggi – quasi incredibilmente – non esisteva una carta dei diritti del passeggero per non vedenti in tutta Europa. La lacuna è stata colmata dall’Enac che ha annunciato la distribuzione dell’opuscolo in braille presso la Sala Amica di tutti gli aeroporti italiani. In questo modo chiunque potrà consultare la carta dei diritti del passeggero nel caso, ad esempio, di cancellazione di voli o di mancato imbarco, alleggerendo le procedure da seguire anche per i passeggeri con ridotte capacità visive.
Molto soddisfatto Vito Riggio, presidente dell’Enac, che ha commentato: “Siamo particolarmente orgogliosi di essere noi italiani i primi, fra tutte le autorità per l’aviazione civile in Europa, a realizzare la Carta dei diritti del passeggero accessibile anche ai non vedenti”. Ancora, parlando sempre della carta dei diritti del passeggero in braille, la definisce: “il frutto dell’esperienza che all’interno dell’Ente stesso è stata maturata in questi anni e testimonia l’attenzione che, doverosamente, l’Enac rivolge ai passeggeri con disabilità nel trasporto aereo la concorrenza commerciale è spietata. Mai però tale competizione può ledere i diritti fondamentali dei passeggeri e su questo impegno l’Ente nazionale per l’aviazione civile manterrà sempre e coerentemente la sua posizione”.
Il prossimo passo dell’Enac, nel futuro, sarà la consegna della carta dei diritti del passeggero in braille alle associazione dei non vedenti e alle biblioteche dotate di sezione apposita.
Iniziativa lodevole che, si spera, possa essere d’esempio per una più diffusa opera di assistenza – anche durante i viaggi – per persone con disabilità.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter