Capodanno a Venezia 2011: LoVe 2011

Nel salotto più bello del mondo il Capodanno a Venezia 2011 verrà inaugurato con un bacio corale. Torna Love, il format che conferma Venezia messaggera dell'amore universale.

Capodanno a Venezia con LoVe ©Foto Ezio ConsoliCapodanno a Venezia con LoVe ©Foto Ezio Consoli

Venezia saluterà il 2011 in maniera soft, a partire dal palco. “Una struttura più leggera ma di grande impatto, perché il selciato della piazza più bella del mondo non soffra”, spiega Piero Rosa Salva presidente della Venezia Marketing & Eventi, la società che organizza la manifestazione e tutti gli eventi veneziani.
A partire dalle 22 del 31 dicembre 2010 ci si raccoglierà intorno a una ‘cassa armonica’, un singolare palco circolare del diametro di dieci metri, illuminato a giorno e con un’acustica che gli esperti garantiscono essere straordinaria. Chiunque potrà gustarne un assaggio perché già a partire dagli ultimi giorni dell’anno la struttura ospiterà gli allievi del Conservatorio Benedetto Marcello per una serie di concerti di musica classica. I più giovani, invece si scateneranno con un Dj in una piazza poco distante dove potranno ballare fino all’alba. Non mancheranno invece i classici fuochi d’artificio che illumineranno la laguna di mille bagliori.
Venite a baciarvi a Venezia“, questo l’invito che ormai da quattro anni richiama nella città d’acqua decine di migliaia di romantici e non solo. Nemmeno le condizioni climatiche avverse sono mai state d’intralcio all’entusiasmo dilagante. Nel 2009 proprio qualche minuto prima della mezzanotte aveva iniziato a nevicare, fiocchi leggeri e impalpabili che avevano reso, se possibile, ancora più magica l’atmosfera. L’anno scorso invece, per la prima volta a memoria d’uomo, il countdown è stato scandito per una piazza di gente con l’acqua fin oltre i polpacci. L’immagine della danza collettiva con i piedi a mollo ha fatto il giro del pianeta. Anche questa volta giornalisti e televisioni stanno già chiedendo un posto in prima fila perché questo evento è una vera e propria opera d’arte vivente dove protagonista è l’amore. Uno spettacolo dove l’intensità delle emozioni farà pulsare il cuore della città in un palcoscenico reso ancora più unico e surreale dal campanile dipinto da decine di cuori luminosi.
Love è un format davvero singolare, che già molte altre città stanno tentando di copiare. Il messaggio, a quanto pare, ha attraversato i confini della città lagunare per arrivare molto lontano e abbracciare persone e luoghi lontani ma mai così vicini.
Il 2010 per il Veneto non è stato un anno semplice, si contano ancora i danni per le alluvioni, ma tutti si sono già rimboccati le maniche e guardano con ottimismo al futuro.
Il palco non ospiterà star internazionali, perché i cachet sarebbero stati troppo alti e sarebbe stato poco etico sperperare tanto denaro per una sola notte. Del resto per trovare la magia a Venezia basta ben poco. Una città senza traffico né macchine, dove il tempo sembra essersi fermato, le note magiche di violini, un pianoforte e il profilo dorato della basilica sulla quale piovono i fuochi di mille colori.  Quale altra città al mondo può offrire di più?


Vedi anche » ,

Informazioni utili

Cosa vedere a Venezia   Dove dormire a Venezia
 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Venezia iscriviti alla nostra newsletter