»

Estate 2012, calano le prenotazioni alberghiere

Estate 2012, calano le prenotazioni alberghiere
Estate 2012 Estate 2012Un’estate da dimenticare per il comparto turistico. Da più parti si legge del calo consistente di entrate durante l’estate 2012 e in alcuni casi ci troviamo ancora di fronte a risultati provvisori.Secondo l’Osservatorio nazionale del turismo di Unioncamere e Isnart, durante il mese di Luglio la scelta, da parte dei turisti, è caduta sulla vacanza a basso costo. Ne hanno beneficiato soprattutto i campeggi. Ad Agosto, invece, sono stati soprattutto gli hotel a cinque stelle a saper sfruttare le promozioni al fine di attrarre clienti presso le proprie strutture.Il mese di Luglio ha fatto segnare un -1,4% di presenze rispetto allo scorso anno, peggio il mese di Agosto con un calo considerevole del 3,7%. Le proiezioni di settembre sono ancora più allarmanti: - 5,4%.Per ciò che concerne il settore alberghiero, il segno meno si è avuto in tutto il periodo. Nel mese di Luglio si è avuto un calo del 2,8% delle camere occupate (rispetto allo stesso periodo dell’anno prima), situazione peggiore ad Agosto con il 4,3% di calo mentre a Settembre, secondo le ultime stime, il segno meno è di addirittura del 6,9%.Sono soprattutto le città del sud a boccheggiare durante il mese di Agosto e a far segnare un calo consistente nella richiesta di prenotazioni alberghiere.  La montagna, invece, ha un segno positivo consistente (4,4% a Luglio e 4% ad Agosto).

Informazioni utili

Di                 
Pubblicato il 24 settembre 2012







9 Commenti per "Estate 2012, calano le prenotazioni alberghiere"

  1. Daniele  16 marzo 2014 at 23:16

    purtroppo la situazione non si ristabilisce a quanto pare… speriamo in meglio per quest’anno…

  2. Andrea  26 marzo 2013 at 15:14

    Ciao a tutti, mi intrometto nella vostra discussione…io sono interessato al settore turistico ma la mia famiglia non può permettersi di mandarmi all’università, così sto cercando un’alternativa. Dai vostri commenti mi sono incuriosito e ho chiesto più info alla Scuola Italiana Turismo: mi hanno detto che tanti ragazzi della mia età (18 anni) si interessano ai loro corsi! Beh effettivamente…un corso da loro costa 2900 euro ma si può pagare anche un pò alla volta, se ti serve ti danno l’alloggio, ti seguono durante lo stage e dicono che in pochi mesi i loro studenti trovano lavoro!
    A me sembra grandioso…voi che dite?

  3. Cristina  14 marzo 2013 at 12:03

    Ok! Grazie mille! Vado subito a guardare il sito della Scuola Italiana Turismo…
    Proprio per quello che dici tu sui tantissimi corsi che si trovano su Internet che preferisco affidarmi all’esperienza fatta da qualcuno…
    Ti faccio sapere! Cri

  4. Jle  11 marzo 2013 at 12:32

    Secondo me devi beccare il corso giusto, che abbia un’ottimo rapporto qualità-prezzo.
    Ce ne sono un sacco che costano tanto e poi non ti trovano nemmeno uno stage, altri che costano poco perchè sono allucinanti.
    La Scuola italiana Turismo – ho visto sul sito – che fa parte della Multimedia, che è comunque una società che organizza corsi da molti anni ed è buona.
    Un saluto.

  5. alessandra  27 febbraio 2013 at 12:02

    Ciao cristina,
    mia figlia si è iscritta ma il corso mi sa partirà a Settembre o a Ottobre di quest’anno. Il test che ha fatto non è difficoltoso, richiede un livello buono d’inglese però. Se lo sai bene ok, altrimenti fatti un po’ di ripetizioni 🙂
    Un saluto

  6. Cristina  22 febbraio 2013 at 17:51

    Eh…ho 20 anni e dopo un anno all’università ho lasciato per tutta una serie di ragioni. Mi piacerebbe lavorare nel settore turistico e da qualche settimana sto cercando un corso, non troppo lungo e non troppo costoso, che mi permetta di inserirmi in fretta nel mondo del lavoro, dandomi quindi degli insegnamenti pratici e concreti. Girando in internet ho visitato il sito della Scuola Italiana Turismo e mi sembrava valida…mi piacerebbe chiedere qualche informazione diretta alla figlia della signora Alessandra che ha commentato sopra visto che la sta già frequentando. 🙂 Spero in una risposta, grazie. Cri

  7. gianna  6 dicembre 2012 at 16:13

    Ho visto su facebook le foto, gli alloggi sono meglio di casa mia!

  8. alessandra  5 dicembre 2012 at 10:33

    Beh, in effetti è vero. Io vivo nelle Marche, praticamente a Senigallia e le mie due figlie (sono uscite dal turistico rispettivamente un paio e 4 anni fa) e lavorano nel campo.
    La terza figlia, Miriam praticamente sceglierà la stessa strada, si è iscritta alla Scuola italiana turismo a Firenze.
    Tra l’altro le hanno comunicato che le rimborseranno parte delle spese dell’alloggio. Sono davvero organizzati..E meno male, mi levano un gran spesa!

    alessandra

  9. giovanna  15 novembre 2012 at 15:19

    Beh, ci saranno sicuramente dei cali nel settore turistico.. Ma dall’altra parte abbiamo anche un aumento della richiesta nei confronti delle professioni in ambito turistico – alberghiero.
    http://www.pmi.it/economia/lavoro/articolo/58040/assunzioni-2012-le-figure-piu-richieste.html

Devi essere loggato per lasciare una recensione/commento Login