Apre il nuovo percorso espositivo della Chiesa di Santa Reparata nel Duomo di Firenze

Apre al pubblico una nuova attrazione a Firenze: al via le visite al nuovo percorso espositivo della Chiesa di Santa Reparata nel Duomo di Firenze.

A partire da oggi, mercoledì 8 ottobre 2014, Firenze propone un nuovo luogo al quale dedicare attenzione e almeno una visita.
Viene infatti aperto il nuovo percorso espositivo della Chiesa di Santa Reparata nel Duomo di Firenze, con le sue testimonianze archeologiche e la sua impronta antica.
Grazie a questa novità, infatti, si potrà andare ad approfondire la conoscenza non solo della Chiesa stessa ma soprattutto di Firenze.
Il percorso segue infatti un ordine progressivo cronologico che parte dal I secolo d.C. al XIV secolo, con una sezione dedicata alla Firenze romana e paleocristiana.
Man mano si potranno quindi appurare e valutare i cambiamenti anche urbanistici della città nel corso dei secoli.
I pannelli collocati lungo il percorso, in lingua italiana e inglese, permettono di avere un quadro completo di quanto si sta guardando, a partire dal meraviglioso pavimento a mosaico di epoca paleocristiana, realizzato con l’effige di un pavone e a figure geometriche.
Tutto è ancor più in risalto grazie all’accurata opera di illuminazione che è stata progettata e realizzata, uno dei tanti lavori di restyling commissionati dall’Opera di Santa Maria del Fiore.
Il nuovo percorso espositivo della Chiesa di Santa Reparata nel Duomo di Firenze va infatti a completare l’attrazione “Grande Museo del Duomo” che comprende la visita della Cattedrale, l’allestimento del Campanile di Giotto e appunto Santa Reparata.
Queste sono le informazioni utili da considerare per pianificare una visita:
– Orari:
tutti i giorni dalle ore 10:00 alle ore 17:00 ad eccezione di:
Giovedì (Maggio e Ottobre) dalle ore 10:00 alle ore 16:00
Sabato dalle ore 10:00 alle ore 16:45.
– Biglietti:
biglietto unico per l’accesso al “Grande Museo del Duomo”: 10 euro.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione FIRENZE iscriviti alla nostra newsletter