Apre il Bosco di San Francesco ad Assisi

Ad Assisi è possibile visitare un nuovo angolo di pace: apre il Bosco di San Francesco, luogo di grande valore paesaggistico, storico e spirituale.

Il Bosco di San Francesco ad Assisi torna ad accogliere i passi e i pensieri di pellegrini e di turisti che vorranno recarsi suoi luoghi del frate poverello.
Lo straordinario patrimonio paesaggistico e storico potrà essere finalmente scoperto da un gran numero di persone, grazie al restauro portato a termine dal Fondo Ambiente Italiano (FAI) che ha curato minuziosamente il recupero di quest’area verde situata a due passi dalla Basilica di San Francesco, ad Assisi.
Dal 12 novembre è possibile accedere al bosco del tutto gratuitamente, avendo così modo di osservare il rifugio verde in cui spesso si raccoglieva in preghiera San Francesco.
Si noteranno inoltre anche alcune costruzioni: questa zona cela infatti un’antica torre, utilizzata nel Medioevo come opificio. E ancora, c’è un mulino, una chiesetta, parte di un monastero e quel che resta di un lazzaretto.
Ci sono inoltre molti ulivi, orti e campi coltivati e ariose radure: non risulta difficile immaginare quale ispirazione circa la meraviglia del creato possa aver avuto qui San Francesco.
Il FAI, nell’invitare tutti a scoprire la bellezza del Bosco di San Francesco ad Assisi, propone tre tipi di percorsi: uno improntato tutto sull’aspetto naturalistico in senso stretto; un altro sulla visione storica; infine il percorso spirituale.
Tre chiavi di lettura per un luogo di grande bellezza che grazie al restauro potrà tornare ad essere uno dei posti da inserire certamente in un ipotetico itineraio di Assisi e dintorni.
Il Bosco di San Francesco è aperto tutti i giorni, ad eccezione dei lunedì (eccetti quelli festivi), dalle ore 10:00 alle ore 16:00. Da metà gennaio a fine febbraio si osserverà il periodo di chiusura invernale.
Infine non sarà possibile accedere al bosco nelle giornate del 25 e 26 dicembre e del 1° gennaio.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ASSISI iscriviti alla nostra newsletter