Apple sfida Google nel settore travel

Apple sfida Google nel settore travel
Apple sfida Google nel settore travel

Chi pensa che l’argomento travel sia di nicchia e in quanto tale di competenza solo di tour operator, OTA, agenzie di viaggi, operatori turistici e addetti ai lavori, si sbaglia di grosso.

Da un po’ di tempo si assiste ad un lavoro incessante, in Internet e su dispositivi mobili, di nuovi “attori” interessati al settore. Google in primis, con tutte le buone nuove lanciate in Internet come Hotel Finder (motore di ricerca di alberghi, solo USA) e Google Flights (motore di ricerca voli, attivo per il momento sono negli Stati Uniti).

Dall’altra parte, sul versante mobile, in questi giorni sta cercando di ritagliarsi interessanti fette di mercato, la corporate di Cupertino: Apple.

Le novità dell’ultimo Worldwide Developers Conference (WWDC) hanno evidenziato l’occhio strizzato di Apple sul versante viaggi. Prima di tutto le mappe. Per diverso tempo sui dispositivi Apple sono state utilizzate le mappe di Google ma i prossimi dispositivi della “mela morsicata” avranno delle mappe proprietarie (Apple Maps). Dopo aver sfruttato il know how della società di Mountain View (è pure vero il contrario), Apple ha deciso di utilizzare degli strumenti propri, in coerenza con la propria filosofia.

Ma la novità targata Apple non consiste solo nell’abbandono delle mappe di Google per utilizzare le proprie. Apple ha lanciato una nuova App, denominata Passbook. Si tratta di un’applicazione capace di contenere tutti i ticket, carte fedeltà, etc. acquistati con tanto di codice a barre. Grazie a questa applicazione sarà possibile fare il check-in in aeroporto e ricevere le informazioni come il gate, l’orario, etc. direttamente sul dispositivo mobile. Un passo avanti sul versante travel.

Google, allo stato attuale, non sta rispondendo sul fronte mobile ma ha concentrato molti sforzi verso i social. Non a caso è nato Google Plus Local che raccoglie l’eredità di Google Places  e sfrutta il social network di casa Google (Google Plus).

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter
Informazioni su Anna Bruno 351 Articoli
Anna Bruno è giornalista professionista, muove i suoi primi passi come cronista a “La Gazzetta del Mezzogiorno”. Successivamente collabora con gli specializzati in viaggi (travel e food), tra i quali “Viaggi e Sapori” e “Gente Viaggi” e i maggiori magazine di tecnologie. Nel 1998 fonda l’agenzia di comunicazione e Digital PR “FullPress Agency” che edita, dal 2001, FullTravel.it, magazine di viaggi online e VerdeGusto, magazine di food & wine, dei quali è direttore responsabile. Appassionata di fuori rotta, spesso si perde in nuovi sentieri, tutti da esplorare. È autrice di “Chat” (Jackson Libri, Milano, 2001), “Viaggiare con Internet” (Jackson Libri, Milano, 2001), “Comunità Virtuali” (Jackson Libri, Milano, 2002), “Digital Travel” (Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2020),  “Digital Food”  (Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2020) e dell’e-book “Come scrivere comunicati efficaci”. È delegata dei giornalisti di viaggio delle Marche-Umbria-SUD del GIST (Gruppo Italiano Stampa Turistica). Digital Travel & Food Specialist, relatrice in eventi del settore turistico e food e docente in corsi di formazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*