All'alba con Douglas e Brunello

Terza settimana del festival I Suoni delle Dolomiti attesi anche Enrico Pieranunzi e Vincent Peirani, virtuosi del pianoforte e della fisarmonicaEntra nel vivo I Suoni delle Dolomiti, il festival che da oltre vent’anni conduce cantanti e musicisti di fama mondiale sulle più belle vette del mondo tutelate dall’Unesco, le Dolomiti.  Martedì 14 luglio è il turno di Enrico Pieranunzi, chiamato ad esibirsi a Passo Lavazé, in Val di Fiemme. Forte di un solido background di studi classici e di innumerevoli esperienze vissute ad alti livelli in ambito jazzistico, in occasione delle sue esibizioni ama sedersi di fronte al pianoforte e cominciare a far fluire liberamente le idee, scegliendo i brani in base all’ispirazione del momento. Il pianista romano ha dunque la preparazione del concertista classico e lo spirito del jazzista: è un musicista che non ama i vincoli, i confini, i cliché. Quattro giorni più tardi, sabato 18 luglio, il testimone passa ad un trio d’eccezione formato da Dave Douglas, Mario Brunello e dal Cello4ever, che si esibiranno all’alba sul Col Margherita, in Val di Fassa.  Per l’occasione il trombettista americano ha arrangiato  parte di Mountain Passages, composizione da lui scritta originariamente nel 2003 e dedicata proprio alle Dolomiti, dando ora rilievo solistico al proprio strumento e al violoncello di Brunello. Ad impreziosire l’incontro fra i due, la presenza del Cello4Ever, quartetto dai vasti e variegati orizzonti stilistici. Dalla Val di Fassa alla Val di Fiemme, dove martedì 21 luglio la località Buse de Tresca accoglierà Vincent Peirani e l’Emile Parisien Duo.  Classe 1980, Peirani è l’uomo nuovo della fisarmonica. Tecnicamente ferratissimo, con il sassofonista Emile Parisien, musicista di comprovato talento, ha registrato l’album Belle Époque, attestato di una felice intesa sullo sfondo di composizioni di Sidney Bechet e di Duke Ellington e di brani originali ispirati anche al folklore. Info: www.isuonidelledolomiti.it

All'alba con Douglas e BrunelloAll'alba con Douglas e Brunello

Terza settimana del festival I Suoni delle Dolomiti attesi anche Enrico Pieranunzi e Vincent Peirani, virtuosi del pianoforte e della fisarmonica

Entra nel vivo I Suoni delle Dolomiti, il festival che da oltre vent’anni conduce cantanti e musicisti di fama mondiale sulle più belle vette del mondo tutelate dall’Unesco, le Dolomiti. 
Martedì 14 luglio è il turno di Enrico Pieranunzi, chiamato ad esibirsi a Passo Lavazé, in Val di Fiemme. Forte di un solido background di studi classici e di innumerevoli esperienze vissute ad alti livelli in ambito jazzistico, in occasione delle sue esibizioni ama sedersi di fronte al pianoforte e cominciare a far fluire liberamente le idee, scegliendo i brani in base all’ispirazione del momento. Il pianista romano ha dunque la preparazione del concertista classico e lo spirito del jazzista: è un musicista che non ama i vincoli, i confini, i cliché.
Quattro giorni più tardi, sabato 18 luglio, il testimone passa ad un trio d’eccezione formato da Dave Douglas, Mario Brunello e dal Cello4ever, che si esibiranno all’alba sul Col Margherita, in Val di Fassa.  Per l’occasione il trombettista americano ha arrangiato 
parte di Mountain Passages, composizione da lui scritta originariamente nel 2003 e dedicata proprio alle Dolomiti, dando ora rilievo solistico al proprio strumento e al violoncello di Brunello. Ad impreziosire l’incontro fra i due, la presenza del Cello4Ever, quartetto dai vasti e variegati orizzonti stilistici.
Dalla Val di Fassa alla Val di Fiemme, dove martedì 21 luglio la località Buse de Tresca accoglierà Vincent Peirani e l’Emile Parisien Duo
Classe 1980, Peirani è l’uomo nuovo della fisarmonica. Tecnicamente ferratissimo, con il sassofonista Emile Parisien, musicista di comprovato talento, ha registrato l’album Belle Époque, attestato di una felice intesa sullo sfondo di composizioni di Sidney Bechet e di Duke Ellington e di brani originali ispirati anche al folklore. 

Info: www.isuonidelledolomiti.it

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Trentino-Alto Adige iscriviti alla nostra newsletter