Air France: colletta dei passeggeri su volo Parigi – Beirut

Notizia curiosa e degna di nota: il volo Parigi - Beirut di Air France ha dovuto fare uno stop a Damasco, chiedendo una colletta ai passeggeri per fare carburante.

Arriva una nuova notizia che definire “bizzarra” è forse un eufemismo, sul fronte del trasporto aereo: un volo Air France diretto da Parigi a Beirut ha avuto necessità di fare una sosta carburante. L’epilogo è stato però paradossale: l’equipaggio ha chiesto ai passeggeri di fare una colletta per pagare il pieno, raggiungendo la cifra di circa 17 mila euro.
La faccenda porta immediatamente alla memoria la richiesta di mayday di tre voli Ryanair per scarsi livelli di carburante; in questo caso, però, le cose hanno preso una piega del tutto differente.
Il volo Air France ha infatti iniziato regolarmente la sua traversata lo scorso mercoledì ma, a poca distanza dall’arrivo, il comandante è stato informato circa l’impossibilità di atterrare come da programmi in Libano. A terra, infatti, un gruppo di manifestanti sciiti aveva preso il controllo della strada di accesso all’aeroporto.
Per questo motivo si è convenuto che la soluzione migliore sarebbe stata l’atterraggio ad Amman, peccato però che il livello di carburante non era ottimale per allungare così tanto la rotta.
A questo punto al comandante non è rimasto altra opzione che atterrare in uno scalo più vicino, richiedendo il rifornimento di carburante necessario per raggiungere la Giordania.
Qui la prima amara sopresa: si è fatta rotta verso Damasco, una zona interessata da moti di guerra.
La seconda constatazione è stata però ancora più particolare: una volta effettuato il rifornimento di carburante, è stato fatto presente che in Siria non si può pagare con carta di credito e dunque era necessario raccogliere contanti.
Da qui la richiesta dell’equipaggio ai passeggeri che hanno contribuito, allestendo una rapida colletta, al fine di poter decollare quanto prima.
Si è poi deciso di raggiungere Cipro per trascorrere la notte e di ripartire il mattino successivo verso la destinazione finale del viaggio.
Successivamente Air France ha fatto sapere di aver pagato il carburante senza poi utilizzare effettivamente i soldi dei passeggeri ma ad oggi non è trapelato l’accordo poi effettivamente scattato con le autorità siriane.

Informazioni utili

Cosa vedere a   Dove dormire a