Aeroporto Taranto Grottaglie attivo: ok dell’Enac

Arriva l'ok dell'Enac per i diritti di volo e l'aeroporto Taranto Grottaglie si prepara dunque a far partire i suoi primi tre voli, diretti in Bosnia. Sul futuro dello scalo, però, molte sono le incertezze.

L’Aeroporto Taranto Grottaglie è pronto per iniziare ad operare i primi voli: dopo l’ok dell’Enac in merito ai diritti di volo, si sta lavorando per ingrandire il giro d’affari e l’operatività dello scalo del tarantino.
Il 24, 27 e 30 ottobre partiranno i primi tre voli schedulati, diretti in Bosnia e per la precisione a Medjugorje. Ciò sarà possibile anche grazie alla collaborazione tecnica di LIbra Viaggi e, ovviamente, questi primi tre voli non si parla di voli di linea bensì di charter.
Il futuro dell’aeroporto di Grottaglie è però tutto da definire, malgrado l’ok di Enac. Il presidente della Provincia di Taranto Gianni Florido propone di spostare su questo scalo quei voli che l’aeroporto di Brindisi non riesce a gestire. Una decisione in buona parte in mano alla Regione Puglia e Aeroporti Puglia, per la quale si invoca anche una discesa in campo di fondi privati, nel caso i suddetti attori dessero il beneplacito all’iniziativa.
Proprio in questi giorni anche i cittadini di Taranto e dintorni hanno espresso la volontà di aprire ai voli civili l’aeroporto, organizzando una raccolta di firme.
Seguiremo certamente gli sviluppi della vicenda che, per certi versi, fa pensare all’aeroporto di Salerno/Pontecagnano, a lungo tempo chiuso e solo recentemente ripartito.

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione ROMA iscriviti alla nostra newsletter