Aeroporto di Trapani chiuso fino al 31 marzo, si attendono decisioni

Malgrado l'auspicio circa la riapertura dello scalo, l'Aeroporto di Trapani Birgi continuerà a restare chiuso al traffico aereo civile, almeno fino al 31 marzo.

Sebbene il ministro La Russa avesse annunciato la parziale riapertura dello scalo, l’Aeroporto Trapani Birgi continuerà a non poter servire i passeggeri di voli civili, almeno fino alla data del 31 marzo, dunque giovedì.
In effetti, la stessa Ryanair – compagnia aerea attiva su Trapani – non ha revocato la decisione di volare per e su Palermo: già questa evidenza avrebbe dovuto far comprendere che nell’aria non c’erano sentori di ripresa definitiva, seppur graduale.
La popolazione (e soprattutto il tessuto commerciale e turistico della zona) ha annunciato una serie di rimostranze e di proteste, ponendo l’accento sulla difficile situazione nella quale andrebbe a trovarsi tutta la provincia, soprattutto in vista delle vacanze di Pasqua e di quelle estive.
Si attendono novità nelle prossime ore, visto che proprio oggi si è insediata una commissione che avrà il compito di decidere il da farsi: riaprire l’aeroporto Trapani Birgi ai voli civili o continuare a considerare prioritaria l’esigenza militare?
Intanto i residenti e i commercianti si sono dati appuntamento per domattina, alle ore 9, presso piazza Inam a Marsala: da qui partirà un corteo di protesta diretto a Piazzale Ilio, a Trapani, transitando davanti all’aeroporto.
Continueremo a seguire la questione, ricordando che è attivo il servizio navetta Trapani – Palermo e viceversa, servito da Terravision.

AGGIORNAMENTO DEL 30 MARZO: al via i primi voli civili.

Informazioni utili

Cosa vedere a   Dove dormire a