5 strategie per trasformare commenti online in strumenti di successo

Commenti, strategie di feedback
5 strategie per trasformare commenti online in strumenti di successo
Commenti, strategie di feedback
Commenti, strategie di feedback

I commenti rappresentano il primo strumento di web marketing 2.0. Le informazioni che si ottengono (gratuitamente) dagli utenti sono preziosissimi per chi si occupa del business di un’azienda. Questo straordinario strumento di feedback deve essere usato con “occhio clinico” poiché dietro a nickname falsi spesso si nasconde “spam” oppure azioni di SEO senza scrupoli spesso alla ricerca di un link (la maggior parte dei commenti hanno il rel nofollow proprio per scoraggiare queste tecniche).

Il valore dei commenti, dunque, è palpabile anche in un mondo, come quello digitale, dove di tattile c’è molto poco. Finkelstein Ariel di iMedia Connection, ha tracciato alcune strategie per avere successo con i commenti online, in 5 punti.

  1. Massimizzare le visite con i commenti
    Inserire i commenti in tutte le pagine del sito più importanti comprese le pagine di atterraggio, il carrello della spesa, le pagine di registrazione, etc.
  2. Utilizzare più modalità per i commenti
    Ci sono alcuni utenti/clienti che hanno voglia di lasciare lunghi commenti di feedback, altri che invece si limitano a spuntare i menu di interesse. Costruite le vostre aree commenti con più opzioni in modo da offrire varie modalità ai vostri utenti che non si mostreranno “timidi” di fronte a schemi commenti poco consoni alle proprie capacità.
  3. Rispondere velocemente elargendo informazioni
    Nel rispondere, cercate di usare una certa tempestività. Una risposta dopo settimane è inutile. E’ sufficiente pensare a quanto velocemente si evolve Internet. Alcuni studi evidenziano che il 65% degli utenti che utilizzano i commenti lasciano i propri contatti. Utilizzare queste risorse per risposte ed indicazioni, per suggerimenti e consigli.
  4. Usare gentilezza anche nei feedback negativi
    Le risposte ai commenti sono di vitale importanza per il vostro business. Quando un utente lascia un commento, positivo o negativo che sia, ringraziate e rispondete usando sempre un tono pacato ed esauriente. Il fatto che un utente abbia scelto di lasciare un feedback è di estrema importanza per voi in quanto l’utente ha dimostrato, in ogni caso, interesse per i vostri prodotti o servizi.
  5. Creare possibilità per successive vendite
    Invitate i vostri utenti ad utilizzare strumenti come, per esempio, la vostra newsletter per rimanere aggiornati su nuovi prodotti, promozioni, etc. Utilizzate il loro feedback per indirizzare gli utenti/clienti in questa direzione. In questo modo si crea un filo diretto con l’utente/cliente che porta benefici anche nelle vendite successive.

Molte strategie di business si fondano sul pay per click. Tuttavia la media di conversione di un pay per click è di circa il 3%. Invitate il 97% degli utenti non acquirenti a lasciare un feedback. Le informazioni di un potenziale cliente che decide di non acquistare (pur essendo arrivato sul sito) sono per voi preziosissime.

Informazioni utili

Cosa vedere a   Dove dormire a

4 Commenti

  1. Ciao Docnrolla, per uno strano destino il tuo commento era finito nell’antispam e solo ora mi sono accorta dell’inconveniente (colpa del plugin che uso). Sono d’accordo con quanto affermi e il tuo commento non lo trovo lungo ma esauriente. Hai capito lo scopo del mio post, breve ma mirato. Grazie per il contributo e torna a trovarmi. Sei il benvenuto. Ciao, Anna
    P.S. Il punto 4 è una prerogativa che spesso viene violata, ma tant’è…

  2. Ciao Anna, io invece il tuo sito lo trovo ben fatto.
    In quanto al post, credo che forse il punto 4 dovrebbe avere delle eccezioni: “non essere gentile con chi non argomenta un giudizio negativo”. Ad esempio chi ha commentato prima di me [i nomi non si fanno poichè non sta bene 😉 ] non merita che si rispetti il punto 4 del tuo post.

    Detto questo vorrei aggiungere che i commenti ben “fatti” (cioè ben “gestiti” come dici nel tuo post) possono rappresentare un’ottima occasione di conoscere meglio il follower standard del tuo blog ed, estendendo il concetto ai Social Network, i followers di tutta la tua rete Social Media (blog, Facebook, Twitter, etc.). Quindi curando i commenti si può aumentare il traffico nel proprio blog, come dici nel post (specialmente se si invogliano i followers con i commenti dofollow) e si può, allo stesso tempo, iniziare uno studio approfondito dei followers, raccogliendo una montagna di dati utili ( ad esempio Google Analytics per il blog, insights di Facebook, lo Shorten Url di Google per Twitter). Incrociando questi dati i risultati sono veramente impressionanti, arrivando a conoscere abitudini e preferenze degli utenti della Rete. E questo rappresenta sicuramente un vero valore aggiunto e un vantaggio competitivo non da poco.
    Magari sono stato troppo lungo nel mio commento ma a noi di Docnrolla questi argomenti ci appassionano molto.

    Dr.W

  3. Ciao Francesco, come hai avuto modo di vedere il tuo commento è stato pubblicato automaticamente. Non censuro i commenti a meno che non siano spammosi. Ammetto che il tuo commento ha solo il sapore della provocazione visto anche il linguaggio che usi che non è vicino alle mie corde e che conferma l’introduzione a questo post (dietro a nickname falsi spesso si nasconde…). Ad ogni modo mi dispiace che il mio sito non ti piaccia. Quando scrivo cerco di fare sempre del mio meglio. La mia speranza è che gli altri lettori non la pensino come te. Saluti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*