101 cose da fare gratis in Italia

“101 cose divertenti, insolite e curiose da fare gratis in Italia almeno una volta nella vita” è un piccolo manuale ad uso di viaggiatori curiosi, edito da Newton Compton. L’autrice del libro, Isa Grassano, non solo è una giornalista di viaggio esperta ma anche una mia carissima amica, lucana come me.

101 cose divertenti, insolite e curiose da fare gratis in Italia almeno una volta nella vita101 cose divertenti, insolite e curiose da fare gratis in Italia almeno una volta nella vita

101 cose divertenti, insolite e curiose da fare gratis in Italia almeno una volta nella vita” è un manuale da portare sempre con sé poiché riferisce di luoghi disseminati in tutta l’Italia. Con questo libro è possibile venire a conoscenza di piccole realtà che, gratis, dispongono di attrazioni divertenti. E così si è catapultati in un mondo fatto di semplici cose che, però, grazie anche al segno del tempo o alle tradizioni millenarie, possono regalarci delle grandi emozioni.

101 cose divertenti a costo zero, dunque, o quasi. L’unica spesa, di cui vale davvero la pena, è quella del libro che, nonostante sia il frutto di una ricerca minuziosa, è molto contenuta. Con 9 euro e 90 centesimi è possibile venire a conoscenza di un mondo di cose da fare e vedere, senza spendere un centesimo.

Quando ho visto il libro di Isa negli scaffali della Feltrinelli ho avuto un sussulto di gioia. Chi svolge la professione di giornalista ed è soprattutto un freelance, sa cosa vuol dire vedere il proprio nome stampato su un giornale, una rivista, un tomo, un manuale o un semplice libro. “Scrivere è una fatica nera”, ripeto più volte su questo blog parafrasando il titolo di un libro che ho letto diversi anni fa e la ricompensa più grande per una giornalista è la “firma”.  Anche io più volte ho provato questa gioia e vedere il nome di un’amica, su un nuovo libro, mi ha provocato quasi la stessa felicità.

Isa Grassano, tuttavia, non è una “firma qualunque”. I suoi reportage, articoli o notizie, da anni riempiono le pagine di giornali autorevoli come Repubblica (I Viaggi di Repubblica, Venerdì di Repubblica, etc.), TGCom, Elle, giusto per citarne alcuni, tanto da regalarle anche la gioia di premi giornalistici, tra cui “Terra del Mediterraneo” (giusto per citarne uno).

Dal giornalismo all’editoria il passo è breve. Isa è alla sua prima esperienza editoriale di questo genere ma sono certa, grazie anche alla sua “penna leggera ed elegante”, si tratti solo di un debutto perché l’editoria italiana, soprattutto quella di viaggio, non può trascurare un’autrice come lei. Ad maiora, Isa!

Clicca su una stella per votare!

Voto medio / 5. Voti:

 Se vuoi rimanere aggiornato sulla destinazione Senza categoria iscriviti alla nostra newsletter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*